Venerdì 21 settembre 2012

Report sul Mercato

asset di portafoglio con diversificazione finanziaria

Analisi tecnica dopo la chiusura dei mercati finanziari di venerdi 21 settembre 2012

 

U.S.A. :

Nella seduta di venerdì 21 settembre 2012 la Borsa di New York, Wall Street, ha azzerato una progressione giornaliera, chiudendo in contrasto con l’andamento di inizio giornata:
il Nasdaq ha avuto un incremento irrisorio del 0,13% (4 punti in più rispetto alla seduta precedente) mentre il Dow Jones è sceso del 0,13%  (17,46 punti in meno rispetto a giovedì 20 settembre 2012); il primo indice si è attestato a 13.579,47 punti mentre il secondo ha raggiunto i 3.179,96 punto.

Tra i titoli U.S.A. in evidenza rimane sempre Apple che rimane ai massimi storici  anche se le aspettative  sulla vendita del nuovo iPhone 5 erano di gran lunga superiori ai 5.000.000 di pezzi realmente venduti nei primi giorni dall’entrata in commercio.

Il giudizio negativo effettuato dagli analisti di UBS sui titoli azionari del comparto bancario statunitense ha spinto al ribasso la principali Banche americane da Goldman Sachs a Citigroup e MorganStamley. In flessione anche Bank of America in seguito al progetto di licenziamento di 16.000 dipendenti.

Giappone :

Dopo il rafforzamento della valuta nipponica, ritenuto sicuramente pericoloso e di ostacolo per le esportazioni di prodotti giapponesi, l’indice Nikkei è sceso di circa mezzo punto percentuale attestandosi a 9.069,29 punti, perdendo quasi 41 punti e registrando pochi scambi di titoli.

 

Area Euro :

Le principali Borse europee terminano la settimana di contrattazione con un saldo positivo grazie al fatto che la Spagna potrebbe essere orientata a chiedere il supporto finanziario alla comunità internazionale, intenzione che trova conferma nelle affermazioni di Lagarde, il Direttore del Fondo Monetario Internazionale FMI, che stima servano meno di 100 Mld di euro per ricapitalizzare le banche spagnole.

La Borsa di Madrid con l’indice Ibex35 ha riportato un incremento del 2%  mentre a Francoforte il Dax30 e a Parigi il Cac40 hanno guadagnato più di  mezzo punto percentuale.

 

Milano:

L’indice Ftse Mib è cresciuto del 1,02% raggiungendo quota 15.991 punti  e il Ftse All Share ha guadagnato l’1%:  in evidenza i titoli bancari con il Banco  Popolare a +3,08%, Monte Paschi di Siena con un  + 4,17%  a 0,244 euro,  sulla stessa linea d’onda  Mediobanca con un + 3,3%  a 4,21 euro e Intesa Sanpaolo con un +2,53% a 1,256 euro e Unicredit in crescita del 0,82%.

Positiva anche Eni con un + 1,75%  e Telecom Italia con un + 2,71% mentre è risultata in controtendenza Fiat per  gli evidenti dati negativi di vendita  nel settore  auto.
E’ atteso per sabato 22 settembre 2012 l’incontro tra i vertici del Gruppo automobilistico torinese e il Governo per analizzare la situazione.

Con questa seduta in territorio positivo la Borsa di Milano recupera parte dei risultati negativi accumulati nelle contrattazioni dei giorni precedenti , soprattutto quelli registrati giovedi 20 settembre.

Da controllare con  attenzione il titolo Telecom Italia Media che detiene la proprietà dell’emittente televisiva “La 7” dopo che Mediaset, Sky e Fastweb hanno dichiarato di non essere interessate a partecipare all’acquisto della società: resta vivo l’interesse di Discovery Channel, della compagnia telefonica “3” Italia e del fondo Private Equity Clessidra, questi tre soggetti si contenderanno l’acquisizione del “gioiellino” della galassia Telecom Italia.

Novità attesa per il 15 ottobre 2012 è la terza emissione del BTp Italia, sottoscrivibile sino fino a giovedì 18 ottobre:  sarà il primo titolo di Stato indicizzato all’inflazione italiana e avrà una durata quadriennale con lo stacco di cedole semetrali.

Petrolio:

Il petrolio ha chiuso in rialzo di mezzo punto percentuale con un prezzo che si avvicina ai 93 dollari al Barile (92,89 dollari).
L’Arabia Saudita potrebbe aumentare la produzione di barili di greggio con la conseguente possibilità di una sensibile discesa del prezzo del petrolio nel breve termine.

 

Le principali valute con  cambio  riferito  all’euro:

EUR/USD          1,2988

EUR/YEN      101,58

EUR/CHF           1,2110

EUR/GBP          0,79870

Spread Btp-Bund:
Il differenziale tra i titoli di Stato italiani e i titoli tedeschi a 10 anni ha aperto a 333,6 punti base, in calo di 8 punti rispetto alla giornata precedente; chiude a fine giornata in salita di quasi 12 punti base a quota 345.

CHE TIPO DI INVESTITORE SEI?

SCEGLI IL PROFILO CHE SI ADDICE DI PIU' AL TUO CARATTERE

asset di portafoglio conservativo
asset di portafoglio reddituale
asset di portafoglio crescita capitale

Chiamaci su Skype

speedplus.biz

Segnali Operativi Future Indice Borsa