da Londra, giovedì 18 ottobre 2018

Quando la tecnologia e l'economia si scontrano

Nell'ultima settimana circa, l'ex dipendente del Fondo Monetario Internazionale, della Banca Mondiale e della Riserva Federale Nouriel Roubini ha orchestrato una campagna di trolling contro la cripto. Ha condotto i suoi attacchi su tre fronti: il Senato degli Stati Uniti, i media mainstream e Twitter. Non sta dicendo nulla che molti membri della vecchia guardia non abbiano già detto prima. Ma lo sta sicuramente dicendo ad alta voce. Lo dice nella sua testimonianza al Senato: Bitcoin o qualsiasi cripto-asset potrebbe andare 'To The Moon' o crollare a zero. Roubini si è fatto la sua reputazione prevedendo la crisi finanziaria del 2008 e da allora ha fatto carriera.

Nel 2014, proprio come ha fatto oggi, Roubini aveva messo il bitcoin nel mirino.

Sfortunatamente per Roubini, il prezzo del bitcoin è esploso negli anni seguenti. Il 9 marzo 2014, al culmine della sua ultima campagna anti-bitcoin, il bitcoin era scambiato a $ 622. Oggi, anche dopo essere caduto dal picco di dicembre, vale comunque $ 6.531.

 

Non è che Roubini stia mentendo, è solo che è disinformato e fuori dal mondo

É nell'interesse professionale di Roubini che la cripto fallisca. Per questo titola il suo documento di testimonianza al Senato: Crypto è la madre di tutte le truffe.  Gli argomenti  sono fondamentalmente:

  1. Crypto è 'la madre di tutte le bolle'

  2. Blockchain non è altro che un foglio di calcolo «glorificato»

  3. Il mondo cripto è controllato da 'Un manipolo di uomini bianchi'

  4. Il potere nell'universo cripto è ancora più concentrato di quanto non sia in Corea del Nord,

  5. Cripto dovrebbe essere valutata al di sotto dello zero perché utilizza enormi risorse energetiche

  6. E, infine, 'non esiste un'istituzione - banca, società, organizzazione non governativa o agenzia governativa - che metterebbe il proprio registro di transazioni, scambi e interazioni con clienti e fornitori su registri decentralizzati peer-to-peer pubblici '.

La tirata di Roubini mette in evidenza un problema che molte industrie hanno dovuto affrontare nell'ultimo decennio. Quella della tecnologia che riscrive le regole. In passato è successo al settore della vendita al dettaglio, all'industria musicale, all'industria cinematografica e televisiva, al trasporto, giornalismo e una miriade di altri settori più piccoli. Ora sta accadendo all'industria finanziaria. In tutti questi casi molte vecchie figure professionali sono cadute nel dimenticatoio quando la tecnologia ha cambiato il tessuto del loro mondo. Alcuni, come Roubini e Warren Buffett, si rifiutano di accettare il cambiamento. Alcuni, come Mike Novogratz e Richard Branson, lo abbracciano. Negli ultimi mesi abbiamo visto i più grandi nomi della finanza iniziare ad abbracciare la cripto. ICE, che possiede la Borsa di New York e molte altre borse in tutto il mondo, sta lanciando Bakkt. Blacklock ha creato un gruppo di lavoro per esplorare la cripto. Goldman Sachs sta lavorando su un modo per portare i suoi investitori nel bitcoin.

Roubini ha sbagliato nel 2014 e ora ha ancora torto. E ha scommesso la cosa più preziosa: la sua reputazione. Come economista, è tutto ciò a cui deve aggrapparsi. Fra altri quattro anni sarà interessante vedere se ha cambiato o meno la sua musica.

Chiamaci su Skype

speedplus.biz

Segnali Operativi Future Indice Borsa