da Londra, venerdì 21 febbraio 2014

1.730 anni di «faccendieri»

Janet Yellen e Mark Carney provengono da una lunga e illustre linea di 'faccendieri'. Dall'epoca della civilizzazione i governi hanno cercato di controllare le loro economie. Per oltre 4000 anni hanno cercato di fissare salari e prezzi. E, in ogni caso, nel corso dei secoli, hanno fallito.

Mi tornano alla mente le parole del professor John Jewkes ('The New Ordeal By Planning', 1948), che ha detto che la passione per la programmazione economica è perenne. Guardando il mondo finanziario di oggi è una delle grandi tragedie della natura umana che la nostra capacità di imparare dalla storia sembra essere più o meno inutilizzata. Tuttavia, oggi ho intenzione di condividere una lezione dal passato, nella speranza che possiamo imparare da essa. E' uno dei migliori esempi di pianificazione centrale che io conosco, e viene dall'impero romano.

Deflazione dell'impero romano

L'imperatore Diocleziano è salito al trono romano nel 284 dC, durante un crollo quasi totale del commercio e dell'attività economica, e subito dopo Roma è stata catturata nella morsa dell'inflazione. La ragione precisa è chiara, ma è spesso attribuita al grande programma di costruzione di Diocleziano - non ultima la ricostruzione della sua capitale prescelta, Nicomedia, nell'odierna Turchia - e la spesa militare rovinosa necessaria per combattere le varie tribù barbariche che invasero l'impero durante il suo regno. Diocleziano è stato accusato anche per l'aumento delle tasse e per l'assunzione di sempre più funzionari del governo (non suona familiare?). Lui, naturalmente, ha accusato l'inflazione interamente sull'«avarizia» dei mercanti e sugli speculatori (Che ne dici?).

I cinquanta anni prima che Diocleziano arrivasse al potere avevano visto un susseguirsi di incompetenti governanti romani scelti dai militari. Senza forti leader al timone, Roma era stata perseguitata da una generale instabilità economica, da guerra civile e disordini. Imperatori pomparono denaro dei contribuenti in progetti pubblici stravaganti con poco vantaggio evidente (ho sentito dire HS2? Come ti permetti!). E parallelamente alla cresciata delle imposte, il numero di romani disposto a pagarle si ridusse. Lottando per raccogliere denaro sufficiente per seguire un impero, il dilemma fiscale di Roma divenne rapidamente un circolo vizioso ...

Una lezione di manipolazione del mercato

Diocleziano decise di risolvere il problema. Gli Imperatori precedenti avevano degradato la moneta dell'impero, così il denaro era quasi inutile - così una delle sue prime riforme fu sull'imposizione. Introdusse un nuovo sistema, che finì per costringere le classi inferiori a lavorare la terra per garantire che essi potessero pagare, in un modo o nell'altro. Ha poi riformato la valuta. Queste misure non risolsero i problemi dell'impero, così emise un editto fissando prezzi e salari. Non funzionò. Diocleziano aveva due scelte: o continuare a coniare il denaro sempre più inutile ... o tagliare la spesa pubblica. Egli poteva o 'gonfiare' o 'sgonfiare' l'economia. Indovinate quale strada ha scelto?

Diocleziano, come i nostri maestri monetari moderni, ha deciso che la deflazione (riduzione dei costi di governo civile e militare) non era una soluzione praticabile. E così Diocleziano prese la decisione di 'gonfiare', ma pensava di poter fare in modo di impedire l'inflazione. Ha provato a fare questo: a) fissa i prezzi di beni e servizi, e b) sospende la libertà delle persone di decidere il valore della moneta ufficiale. Naturalmente, a meno che il governo avesse potuto imporre un valore universale per il denaro (completamente separato dal suo vero valore), il sistema sarebbe crollato. Quindi la copertura dell'editto era pervasiva, e le  sanzioni erano, come sempre, gravi.

Almeno 32 listini di prezzi sono stati trovati nel periodo, che coprono oltre un migliaio di oggetti tra cui i salari. Un bushel di orzo, per esempio, costava l'equivalente di 87 centesimi e non di più. Il prezzo di un litro di birra, d'altra parte, era fissato a soli 3 centesimi. Evidentemente il pubblico aveva bisogno panem et circenses per tenere alto il morale, e sono stati incoraggiati a bere birra. C'è stato un grosso problema. Una volta che i fornitori non stavano nei prezzi ragionevoli per i loro articoli ... hanno semplicemente smesso di portarli al mercato. Lo storico Levy ha descritto gli ultimi anni cupi dell'Impero Romano:

'L'intervento dello Stato e una politica fiscale frammentaria ha messo l'impero sotto il giogo; più di una volta, sia gli uomini poveri che i ricchi hanno pregato che i barbari li liberassero da questa condizione. In AD 378, i minatori dei Balcani passarono in massa agli invasori Visigoti, e poco prima del 500 dC il sacerdote Salviano espresse la rassegnazione universale alla dominazione barbarica '.

Che cosa significa per la vostra ricchezza

Ora andiamo avanti velocemente fino ai giorni nostri. Applichiamo questa lezione della storia, di come il controllo dei prezzi e la pianificazione centrale possono finire in un disastro, per il destino della Federal Reserve statunitense. La volatilità del mercato va verso l'inevitabile fallimento del capitalismo di stato diretto, sia nei mercati emergenti che in quelli sviluppati. Evocando Diocleziano, la Fed ritiene di poter mantenere i tassi di interesse ufficiali a zero e di alluvionare i mercati obbligazionari con miliardi di dollari, senza conseguenze. Non funzionerà. Ma non tutto è perduto. Il processo di deleveraging globale a cui stiamo assistendo favorirà i paesi con forti avanzi netti di asset esteri, molti dei quali sono nelle economie asiatiche e negli Stati ricchi di risorse come quelli del Golfo.

 

Chiamaci su Skype

speedplus.biz

Segnali Operativi Future Indice Borsa