da Londra, venerdì 13 marzo 2015

Azioni cicliche contro Azioni difensive

 

 

Una distinzione importante di cui vale la pena di parlare  - Azioni 'cicliche' contro Azioni 'difensive' (non cicliche).
Probabilmente avete sentito questi termini prima. Perché molti strateghi pensano di detenere investimenti ciclici in questo momento?

I money manager stanno scommettendo sul decollo dell'economia

Ecco il punto chiave:
'La rotazione di titoli difensivi in ​​società più cicliche è evidente in questi ultimi flussi di capitali. La scorsa settimana gli investitori hanno aggiunto 2,3 miliardi di dollari in Cyclical Exchange Traded Funds (ETF ciclico), conservando 1,6 miliardi dollari in ETF di utility.'
Che cosa significa in concreto? Semplicemente significa che il denaro viene scaricato da imprese di utility a favore di titoli ciclici.

Le utilities sono un esempio assolutamente classico di un settore 'difensivo'. Qualunque sia il contesto economico, ognuno compra sempre elettricità, acqua, gas e telecomunicazioni, giusto? Queste sono le utility chiave. È possibile aggiungere altre infrastrutture chiave come trasporto stradale, ferroviario, traghetti, etc.
E non ci si ferma qui. I difensivi in genere comprendono i prodotti farmaceutici, tabacco e, in modo abbastanza appropriato, l'industria della difesa. Questi non tendono ad essere molto influenzati dal ciclo economico.

Dall'altro lato della medaglia, disponiamo di stock i cui profitti sono guidati dal ciclo economico. Per questo motivo, queste sono note come 'ciclici'.
Così, a giudicare dal modo in cui il denaro è in movimento (da titoli difensivi in titoli ciclici), i gestori degli investimenti stimano chiaramente un'economia in decollo.
Si aspettano che questa rotazione (cioè che il movimento di denaro da titoli difensivi in quelli ciclici) persisterà e porterà a sottopesare il mercato obbligazionario, favorendo invece le imprese di crescita cicliche, che dovrebbero beneficiare di un'economia in rafforzamento.

Il mercato obbligazionario, tra l'altro, è un investimento che si comporta come un vincolo, focalizzato sul reddito piuttosto che sulla crescita del capitale. Ecco perché, dunque, raccomandano di uscire dalle obbligazioni e dagli investimenti analoghi.
In una economia in via di guarigione, i tassi di interesse dovrebbero salire. Questo rende le tue belle Azioni difensive e il rendimento obbligazionario meno un'attrattivi. E' il motivo per cui si preferisce essere in «crescita», invece che «ciclici».
Quindi la domanda è: dovremmo riempire i nostri portafogli con titoli ciclici?

Dal momento della crisi è tutto cambiato nel gioco degli investimenti

Questa è una domanda difficile a cui rispondere - perché le cose non sono così «bianco o nero».
Certo, le economie non sono più claudicanti. Ma in gran parte grazie ad interferenze governative senza precedenti e grazie ad un tasso di interesse artificialmente inchiodato al pavimento.
Siamo avviati verso un mercato biforcato in modo massiccio.

Prendete il settore della grande distribuzione, in genere considerato un acquisto difensivo. Non può essere più correttamente classificato in quel semplice termine.
Alcune di queste Azioni stanno andando «troppo» al massimo. Alla fine più del segmento del lusso, che normalmente ci si aspetta che faccia bene durante i periodi di forte crescita economica (ciclica).

L'interferenza centralista ha colpito in vari modi. Ad alcuni hanno fatto bene i tassi bassi e la crescita dei prezzi degli asset. Alcuni, soprattutto quelli che non possiedono immobili o attività finanziarie, non ne hanno beneficiato.
Negli ultimi tre anni il miglior settore è stato quello dell'assistenza sanitaria, con un rendimento del 27%. Ora, dovrebbe essere un settore difensivo.

Ma basta guardare al secondo in classifica– i beni di consumo ciclici, con un ritorno di poco meno del 20%. La tecnologia è al terzo posto con un rendimento del 19% (ciclico) ed i consumi primari sono al quarto posto con il 16% (chiaramente difensivo!). Dov'è la logica in tutto questo? È un affidarsi al caso preferire un settore rispetto ad un altro.

Non scaricate i titoli difensivi

Sarebbe estremamente banale suggerire di 'ruotare' i settori sull'ipotesi di una ripresa economica.
Anche se c'è la ripresa dell'economia, non è più possibile fare affidamento sulla regola classica di investire in ciclici per la crescita e in difensivi durante le fasi recessive.

Probabilmente siamo in territorio del classico stock-picker. Non importa in quali settori investire. Si può essere vincenti in un qualsiasi settore. Basta meditare su come oggi il mercato influenza le aziende in modo divergente.
Fate il vostro dovere, e pensate a come il contesto odierno influenza le aziende in maniera specifica. Abbiamo avuto un paio di anni di esperienza di questo tipo negli investimenti. Più ancora varrà la stessa logica per i prossimi anni.

 

Chiamaci su Skype

speedplus.biz

Segnali Operativi Future Indice Borsa