da Londra, lunedì 10 novembre 2014

Cooperazione economica Asia-Pacifico (APEC)

Questa settimana Pechino ospita la riunione annuale per la cooperazione economica Asia-Pacifico (APEC).
        E proprio come durante le Olimpiadi di Pechino, fabbriche e cantieri sono in arresto. Restrizioni massicce sono state introdotte sul movimento dei veicoli. In effetti, si dice che i cieli sono 'blu APEC'. E per che cosa?

Pechino ospita alcuni dei più grandi nomi del globo. E ci potrebbero essere alcune miscele esplosive di personaggi ... pensate a Putin e Obama, e anche proprio al premier cinese, Li Keqiang, rivolto verso Shinzo Abe del Giappone.
        Questo mega-incontro alimenta seri dubbi sul progetto europeo.

Dopo aver iniziato come uno spazio per la cooperazione economica (come l'APEC è in questo momento), il progetto europeo si è trasformato in una sorta di nazione federale in sé e per sé.
        L'incontro APEC questa settimana è un duro monito di come l'UE dovrebbe essere.

Una visione di come l'UE avrebbe potuto essere

L'APEC è stata costituita 26 anni fa per promuovere il commercio. Da allora, le tariffe di importazione tra i membri passano da circa il 17% all'inizio del progetto, al 5,5% attuale.
Essa mira inoltre a far progredire le imprese, riducendo la necessità di cose come i visti di viaggio e vari altri pezzi di burocrazia. APEC ha anche creato un 'centro studi' nelle università, al fine di trovare nuovi modi per favorire la cooperazione per le esigenze aziendali.

Nei primi giorni del commercio internazionale, erano spesso scambiati metalli preziosi con un   regime di valuta fisso. Considerato questo, è chiaro che la valuta stabilita dall'Europa non è di per sé un problema spinoso per il commercio.
Il problema per l'Europa arriva quando si tenta di imporre obiettivi per 'armonizzare' una valuta fissa. Cose come il numero di ore lavorative, i livelli assoluti di retribuzione ... tutta  roba proveniente da Bruxelles.

La logica (se non l'economia) ci dice che non si può avere entrambe le cose. Non si può avere una zona di valuta fissa se poi pretendono che tutti i giocatori all'interno della zona economica siano esattamente gli stessi. Poi sedersi e aspettare una sorta di magia per spostare la produzione là dove è più efficiente.
Se si vuole armonizzare le pratiche di lavoro e gli standard di vita, allora avete bisogno di tenere valute diverse e permettere alle nazioni più deboli la possibilità di farsi strada.

Valute individuali passano attraverso i mercati dei capitali e finiscono per tornare nei paesi  da dove sono partite. Qualcosa che non sta sicuramente accadendo in Europa in questo momento.
I membri dell'APEC lo sanno. Infatti, sia gli americani che la Cina usano le proprie valute per manipolare il commercio. Nel libero mercato, questo è del tutto sbagliato. Il desiderio della Cina di diventare la fabbrica del mondo sta causando miseria ambientale per tutti coloro che vivono a Pechino nei periodi in cui non c'è un vertice mondiale, o i giochi olimpici in città!

Ma nessuno in APEC sta prendendo in considerazione qualsiasi tipo di unione, oltre un libero scambio.
Certamente non una unione monetaria - che sarebbe del tutto controproducente!

 

I paesi APEC incidono per oltre il 54% del commercio mondiale. Come si può vedere dalla cartina riportata di seguito, vi sono alcuni membri... Australia, STATI UNITI D'AMERICA, il Canada e la Cina, solo per citarne alcuni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sì, tagliare l'UE ad una semplice zona di libero scambio potrebbe causare terribili criticità a breve termine, soprattutto per le banche. La transizione sarebbe difficile.

Sarebbe un esperimento mai tentato prima d'ora.

 

Fonte: APEC

Chiamaci su Skype

speedplus.biz

Segnali Operativi Future Indice Borsa