da Londra, lunedì 12 marzo 2018

 la Cina sta creando la sua moneta digitale

La nuova cripto si chiamerà DCEP (pagamento elettronico in valuta digitale). E utilizzerà la tecnologia distributed ledger.
La notizia è arrivata direttamente dal governatore della Banca Popolare Cinese Zhou Xiaochuan. E per di più, ha detto che la Cina sta blandendo le regole sulle cripto e sugli ICO. O, almeno, che non sta pianificando altre sanzioni.
Dopo che gli Stati Uniti si sono espressi a favore dei criptos a gennaio, era chiaro che la Cina avrebbe finito per fare lo stesso.
Nessuno dei due paesi vuole perdere lo spunto su questa tecnologia emergente. Nessun paese vuole perdere l'enorme quantità di denaro che 'potrebbe portare il prossimo internet'.

Nonostante le enormi oscillazioni dei prezzi e contrariamente a quanto dicono molti commentatori, i criptos sono qui per rimanere.
E non dimentichiamo, un paio di settimane fa, la Russia ha annunciato che avrebbe avuto nuove leggi in vigore dal 1 ° luglio. Come ha dichiarato Coin Telegraph la scorsa settimana:
Il presidente della Russia Vladimir Putin ha segnalato che la regolamentazione delle criptovalute nel paese dovrebbe diventare legge 'entro il 1 luglio' quest'anno, secondo la gazzetta ufficiale del governo Parlamentskaya Gazeta del 28 febbraio.
Il pacchetto normativo è denominato Digital Assets Regulation Bill.
La sua introduzione porrà fine a anni di incertezza in cui la criptovaluta si trovava in un'area grigia, con le autorità locali in Russia che hanno adottato varie mosse contraddittorie per decidere quali aspetti erano e non erano legali.
La Russia è stata finora uno dei pochi grandi paesi che guarda favorevolmente alla cripto.

Chiamaci su Skype

speedplus.biz

Segnali Operativi Future Indice Borsa