da Londra, mercoledì 2 marzo 2016

Sfatiamo i miti sulle banche centrali

Che cosa fanno esattamente i banchieri centrali? Si siedono intorno ad un tavolo a parlare di offerta di moneta, della velocità di circolazione del denaro e del sistema economico.
Hanno bisogno di queste discussioni per creare le condizioni per la crescita. Il nostro intero sistema economico si basa sul raggiungimento di una crescita.

Ecco la sfida. Le banche centrali non hanno una grande influenza su quanto velocemente il denaro si muove all'interno dell'economia. Lo fa la tecnologia. La tecnologia è intrinsecamente deflazionistica e come tale agisce come un freno. I consumatori beneficiano enormemente da quel tipo di deflazione. Questa è la magia di un'epoca tecnologica accelerata, in cui si ottiene di più a meno. Ogni anno, nuovi prodotti, metodi e applicazioni vengono rilasciati e permettono di essere più produttivi consumando meno risorse. Considerate la vostra vita e gli strumenti utilizzati oggi rispetto a solo 10 anni fa.

Pensateci, quando hai preso il tuo primo account e-mail? Nel 1999 la bolla tecnologica era in pieno svolgimento, ma il crollo successivo non ha fatto nulla per disarmare l'influenza dirompente di Internet. Il modello di business principale per l'e-commerce è quello di ottenere una maggiore efficienza, tagliando fuori gli intermediari. Questo riduce il numero di operazioni che ha un impatto diretto sulla velocità del denaro. La disintermediazione è stata una causa primaria nel deterioramento della velocità del denaro ma ha influenza anche maggiore. Ha cambiato il modo in cui le banche centrali misurano l'inflazione.

Il 1990 coincide con il picco storico della velocità del denaro. Il modo più semplice di pensare alla velocità del denaro è quello di rappresentare il numero di volte in cui lo stesso dollaro viene utilizzato per acquistare beni che sono inclusi nel calcolo del PIL. Il grafico che segue ci dà una rappresentazione di quanto più o meno la velocità del denaro è scesa dal 1997. La tecnologia è l'unica spiegazione logica.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In effetti, la velocità del denaro è oggi inferiore rispetto a qualsiasi momento dall'inizio delle rilevazioni nel 1950. Ciò significa che è in calo, nonostante i principali mercati siano toro che orso. La bolla immobiliare degli Stati Uniti, la crisi del credito, il boom delle materie prime e la successiva caduta... tutto è accaduto e ha avuto poco effetto sulla velocità del denaro.
Cosa fanno le banche centrali? Il numero di transazioni è peggiorato.

Le persone sono davvero preoccupate per il valore del denaro che viene degradato dalle politiche che le banche centrali hanno adottato. Questo grafico di offerta di moneta diviso per il PIL nominale racconta una storia importante. Dal 1960 fino al 1990 circa la riserva federale degli Stati Uniti ha fatto un buon lavoro abbinando la quantità di moneta al GBP nominale (il valore di tutti i beni e servizi creati in un anno). Tuttavia, quando la bolla tecnologica prese il sopravvento non riuscirono a consentire al denaro di espandersi in linea con il PIL in quanto la velocità del denaro andava più veloce.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dal 1997 la banca centrale ha cresciuto l'offerta di denaro molto più velocemente del PIL. In circostanze normali creerebbe un enorme problema inflazionistico. Milioni di pagine sono state scritte prevedendo una iperinflazione e la previsione è assolutamente inevitabile, ma la stragrande maggioranza delle persone non riesce a prendere in considerazione la velocità del denaro. E' praticamente impossibile che l'inflazione vada fuori controllo mentre la velocità del denaro è in trend ribassista marcato.

Ecco come possiamo predire che cosa accadrà dopo. Sappiamo che le banche centrali rispondono stampando denaro in modo aggressivo perché devono assicurarsi che ci sia abbastanza denaro nel sistema per promuovere la crescita economica. Questo è il motivo principale per cui esistono le banche centrali.

Quando la velocità del denaro è scesa bruscamente in linea con la crisi del credito nel 2008 le banche centrali hanno risposto incrementando la liquidità per garantire abbastanza soldi in circolazione. Non avevano scelta in materia. Questo è semplicemente la parte più fondamentale del loro lavoro. Abbiamo bisogno di reale, misurabile, robusta espansione economica per consentire alle banche centrali di rimuovere l'eccesso di liquidità che hanno aggiunto nel corso degli ultimi venti anni. La realtà è che l'aumento dell'offerta di moneta è sostenibile fintanto che la velocità del denaro continua a tendere verso il basso.

Le banche centrali sono spesso criticate per l'utilizzo di regolamenti a beneficio economico di beni e servizi. Un buon esempio è che la Federal Reserve utilizza il reddito da locazione immobiliare a prescindere dal fatto che si sia o no proprietari della casa a titolo definitivo.
 Dove realmente nascono i problemi è con la tecnologia, perché il vostro iPhone ha più potenza di calcolo di un computer costano milioni pochi decenni fa. È possibile ottenere  accesso a film, libri e musica gratuitamente tramite il vostro telefono. È il vantaggio economico contenuto nel prezzo del dispositivo. La tecnologia sta lasciando grandi buchi nel modo in cui l'inflazione si misura e come tale è intrinsecamente deflazionistica.

Come se non fosse abbastanza, l'innovazione tecnologica sta accelerando.

Le auto elettriche sono vicine ad un momento di breakout ed i prezzi del greggio sono scesi bruscamente nel corso dell'ultimo anno. Che cosa succederà nel prossimo decennio? La velocità del denaro potrebbe cadere ancora di più.

Ricordate che la tecnologia crea il buon genere di deflazione in cui si ottiene più roba per meno soldi. Purtroppo questo è solo metà della storia perché anche il cane di strada sa che abbiamo avuto l'inflazione nel corso degli ultimi venti anni. I prezzi dell'energia sono aumentati molto, i premi assicurativi sono in continuo aumento, i costi di formazione non scendono, i prezzi delle case hanno recuperato prezzi record. Il mercato azionario è salito molto negli ultimi sette anni. Ora abbiamo abbondanti prove che la stampa di denaro e 'l'inflazione dei prezzi delle attività' sono in relazione al quantitative easing. Il problema è che questo non è il tipo di inflazione che le banche centrali tendono a misurare.

L'innovazione tecnologica rappresenta un vento contrario per la velocità di denaro. Quindi una robusta crescita economica ad ampia base è necessaria per spingere la velocità del denaro.

Cosa succede se le banche centrali seminano inflazione ma la velocità del denaro continua a scendere? Le banche centrali non possono dimenticare il loro mandato, che è quello di controllare l'inflazione. Esse sarebbero costrette ad alzare i tassi di interesse senza ritirare l'offerta di moneta, il che esporrebbe i governi ai rischi di rifinanziamento quando il loro debito deve essere rinnovato a tassi più elevati.

L'unica parte di misurazione dell'inflazione che è difficile da rimuovere è il salario. Quando le persone chiedono più soldi per il lavoro che fanno è perché l'inflazione è salita così tanto che non possono sopravvivere con quello che stanno guadagnando. Il grafico qui sotto mostra che  i salari medi orari non si erano mossi per cinque anni. Sono esplosi nel mese di dicembre quando  la Fed ha aumentato i tassi di interesse. Questo è causa ed effetto in azione. Possiamo quindi concludere che, fintanto che i salari continueranno a tendere più in alto quanto la Fed continuerà ad alzare i tassi di interesse.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La disoccupazione è un indicatore ritardato, ma gli Stati Uniti si stanno avvicinando alla piena occupazione. Ci sarà un sacco di gente pronta a chiedere un aumento in un futuro non troppo lontano.
Se si inizia a tenere conto di questo fattore non è difficile capire perché il mercato azionario si è preoccupato riguardo la fine dello status quo nel corso degli ultimi mesi.

Tutto ciò rischia di spingere verso l'alto la velocità dei soldi? Non sembra probabile? La tecnologia sta in realtà andando a spingere verso il basso ancora di più. La società di consulenza di tecnologia globale Gartner stima che il 25% dei posti di lavoro sarà sostituito dalla tecnologia entro il 2025, che è meno di nove anni.

Il grande take away qui è che mentre tutti avranno un beneficio dalla tecnologia non tutti faranno lo stesso tipo di lavoro nel prossimo decennio. Dovete conoscere le opportunità di investimento che vi permetteranno di emergere in un nuovo ambiente in rapida evoluzione.

Fonte: Bloomberg

Fonte: Bloomberg

Chiamaci su Skype

speedplus.biz

Segnali Operativi Future Indice Borsa