da Londra, lunedì 20 gennaio 2014

Il FTSE 100 è up

Le prime settimane di gennaio sembrano aver dato il via. Il FTSE 100 è up. In realtà, si torna ai livelli colpiti 14 anni fa! Sì, è vero. Il mercato è ora scambiato a livelli che non si vedevano dai tempi della mania dotcom. Ma naturalmente l'indice è solo un numero. Non si può paragonare il mercato ora e poi, non è un confronto like for like. Molto è cambiato da quei giorni. Le società nell'indice ora stanno guadagnando un sacco di più per gli azionisti che  le hanno «caricate» allora. Non solo, ma i bilanci delle società in media sono molto più sani. Questo è dovuto per lo più alle offerte aggressive di acquisizioni a prezzi veramente ribassati  che erano in corso all'epoca.

E, naturalmente, il contesto finanziario generale di oggi è completamente diverso. Trilioni di dollari stampati di denaro fresco e tassi di interesse inferiori sul dollaro hanno spinto i risparmiatori verso le azioni al fine di generare un ritorno.
 Occorre essere disposti a correre con i mercati azionari, per quest'anno, almeno.
 

L'ultimo orso

Chiariamo fin dall'inizio che sarebbe bene essere ancora molto scettici su quello che sta guidando il mercato. Questa casa è costruita sulla sabbia.
 ... Ma allo stesso tempo, realisticamente, i risparmiatori non possono permettersi di perdere  i rendimenti del mercato azionario. 15% o giù di lì l'anno scorso ... che è molto a cui rinunciare, anche per uno scettico! E comunque, visti i fondamentali, le Azioni in realtà non sembrano così male.
É possibile avere dubbi circa le Azioni, purtuttavia investendo nel mercato. Se non siete convinti, basta abbassare la percentuale del vostro portafoglio assegnato alle Azioni. Rimanendo fuori dal mercato complessivamente è semplicemente troppo costoso. E scommettendo contro di esso ... bene, il risultato sarà ancora più costoso!

La prima minaccia è un crollo del mercato. Se tu fossi stato nei mercati posteriori all'ottobre 1987, allora probabilmente faresti bene a ricordare. E' stato uno shock. Nessuno lo ha visto arrivare. E sto parlando del crollo delle dotcom.
 Ma la seconda minaccia su cui vogliamo tutelarci è contro lo 'scenario 2008' - una crisi finanziaria. Sono sicuro che avrete notato che il 2008 ha visto molto più di un crollo del mercato azionario.
 Dopo che Lehman è crollata, l'intero sistema finanziario è stato messo in dubbio. Praticamente tutti i beni di carta sono stati buttati nel cesso. Dopo tutto, quanto vale una promessa di carta quando i firmatari non sono più in attività?

Ora, utilizzare asset allocation per assicurarsi contro un crollo del mercato azionario - la prima minaccia - è facile. Un portafoglio bilanciato in genere raggiungere questo obiettivo. In tale scenario, contanti, obbligazioni e materie prime possono tenere ferma la nave.
 E' sorprendente come pochi investitori utilizzino asset allocation per la protezione. La maggior parte degli investitori tende a essere eccessivamente dipendente dalle azioni. Ma è interessante notare che nel corso degli anni le obbligazioni e le materie prime possono essere altrettanto redditizie per un portafoglio.
I crash del mercato azionario sono inevitabili, e i mercati rimbalzano sempre indietro. Uno usa asset allocation perchè  dopo una caduta precipitosa, si ri-allocano più risorse verso il settore del risparmio in disgrazia. Naturalmente, questo è più facile a dirsi che a farsi. Dopo tutto, l'ora più buia è appena prima dell'alba.

Ma anche se l'emotività ti impedisce davvero di fare il massimo per evitare un incidente, il fatto stesso che il vostro portafoglio è bilanciato vi proteggerà.

Come coprirvi

Le crisi finanziarie sono diverse però. Per proteggere se stessi da una crisi finanziaria è necessario diversificare in asset fisici. E negli ultimi dieci o quindici anni, i beni materiali hanno fatto molto bene.
 
 É interessante vedere che l'oro ha avuto un piuttosto solido inizio nel nuovo anno. Dopo tutto, l'oro è una polizza assicurativa contro una casa costruita sulla sabbia ...
Sì, se si guarda a lungo e medio termine, c'è una logica fondamentale in esso. Ma a breve termine, l'oro fa proprio quello che vuole fare.

I minerari hanno trovato il fondo del mercato?

 

Fonte: Digital Look

Come parte della attività di riallocazione, cerca di approfittare di ciò che è, francamente, il sentiment disperato verso i produttori di oro. Si tratta di una strategia rischiosa. Ma non c'è dubbio, un buon prezzo dell'oro farà bene ai minatori. E comunque, come detto - l'ora più buia è appena prima dell'alba.   

Buon investimento.

Chiamaci su Skype

speedplus.biz

Segnali Operativi Future Indice Borsa