da Londra, venerdì 24 febbraio 2017

Truck off!

I camion ci forniscono quasi tutto ciò che consumiamo. Scania, DAF, Volvo e Mercedes sono nomi familiari per i loro camion. Ma questo mondo sta per cambiare e si può trarre profitto. Stiamo vedendo una situazione che è stata ripetuta molte volte nella storia recente: Kodak è un esempio lampante. Blockbuster è un altro. 

La scorsa settimana abbiamo visto un accordo tra le tecnologie di Peloton e di Omnitracs. Questo permetterà la comunicazione veicolo-veicolo che garantirà un risparmio fino al 10% del combustibile. Non dovrete aspettare a lungo per questo; il lancio è previsto per quest'anno.

E qual è la visione di Tesla per il futuro? Sta costruendo una rete di 'super chargers', progettato per alimentare le batterie rapidamente. Ma il processo di carica è il tallone d'Achille dell'intero processo. Le batterie sono leeeeeeeente da ricaricare. Quando si deve pagare un autista e un autocarro in leasing, conta il tempo di inattività. Per i carichi sensibili al fattore tempo il problema è aggravato. Ci vogliono solo pochi minuti per riempire un serbatoio con il gasolio, quindi convincere i proprietari delle flotte a passare alla mobilità elettrica sarà difficile. 

Per l'uso a corto raggio, è chiaro che la tecnologia di Tesla sarà difficilmente  battibile.

La tecnologia per i camion riguarda un progetto idrogeno-ibrido. L'idrogeno in genere può essere trasferito al serbatoio del camion velocemente. Le celle a combustibile a bordo quindi lo convertono in energia elettrica che carica le batterie a una velocità costante. Ma c'è un problema con l'idrogeno. O, piuttosto, due.

In primo luogo, non ci sono stazioni di rifornimento. Per cominciare, l'idrogeno è potenzialmente esplosivo – così i regolamenti sono piuttosto stringenti. In secondo luogo il gas ha bisogno di stoccaggio in serbatoi. In teoria, potrebbe essere fatto in loco elettricamente. L'idrogeno può erogare un sacco di energia per chilo (da cui l'utilizzo in combustibile per razzi) ma non è denso. Tutto è grande: serbatoi di combustibile, camion cisterna e stazioni di rifornimento.

Il secondo problema con l'idrogeno è il consumo di energia per produrlo. Attualmente, il processo di produzione è basato sui combustibili fossili. A lungo termine, sarà prodotto quasi certamente da fonti rinnovabili. Ci sono due ragioni per questo imminente cambiamento. In primo luogo, solo un pazzo vorrebbe spendere più soldi del necessario. Il solare sta scendendo velocemente di prezzo, così presto avrà poco senso utilizzare fossili. In secondo luogo, la natura intermittente delle energie rinnovabili significa che abbiamo bisogno di stoccare l'eccesso nelle ore di punta di produzione. Accensione/spegnimento della produzione di idrogeno è un ottimo modo per assorbire la capacità in eccesso. Così, ci sono un sacco di ragioni perché l'idrogeno potrebbe essere una buona idea per la nuova economia energetica.

Siamo d'accordo?

 

 

 

Anche se l'elettricità può essere fatta funzionare praticamente, è ancora ferma. Nel lungo periodo, può comportare seri problemi. Se ci muoviamo verso un'economia dominata da energie rinnovabili, abbiamo bisogno di immagazzinare l'energia. La tecnologia può essere radicalmente migliorata nel tempo. In breve,  i condensatori tendono ad avere capacità piuttosto mediocre, ma offrono una ricarica fulminea. Le limitazioni di capacità dei condensatori possono essere risolte nei prossimi anni. Se ciò accade, ci sarebbe probabilmente ancora bisogno dell'idrogeno nell'economia, ma non ci sarebbe nessun bisogno di mettere ovunque le stazioni di rifornimento.

Volvo sta cercando di spingere verso un combustibile chiamato dimetiletere (DME). DME è fondamentalmente due molecole di metano, attaccate insieme ad un atomo di ossigeno. Il lato positivo: è un combustione più pulito rispetto al diesel; e migliore dell'idrogeno nel trasporto e stoccaggio. In realtà, non è differente dal petrolio liquefatto (GPL). Tuttavia, si basa attualmente sui fossili per la sua fabbricazione. In definitiva, potrebbe essere prodotto dall'idrogeno – ma è costoso paragonato ad altre tecnologie. Se stai cercando dove comprarlo, c'è qualche lavoro anticipato dalla Delft University of Technology utilizzando acido formico. Questo potrebbe essere un processo più semplice, ma è difficile dire dove potrebbero risiedere le sfide. 

Walmart sta mostrando un'altra visione del futuro, con il suo camion. Si tratta di un ibrido elettrico a batteria, con una turbina a gas per fornire alimentazione primaria. Decenni fa, alcuni produttori (ad esempio, Rover) sperimentarono motori a jet per auto. Ma l'accelerazione troppo spinta li ha resi impraticabili. Di là di questo, c'erano una miriade di altri problemi, ad esempio un rischio di aspirazione di detriti. Tuttavia, la turbina è parsimoniosa di carburante e può utilizzare gasolio o metano (è possibile anche utilizzare tequila in un'automobile con turbina a gas). Ulteriormente, il gas 'naturale' può essere sintetizzato dall'idrogeno – dando una sostenibilità a basso costo, utilizzando l'infrastruttura di distribuzione esistente. Tuttavia, tentativi di spostare la tecnologia delle turbine in veicoli terrestri sono stati fatti molte volte, negli ultimi decenni. Nessuno ha dimostrato di essere una combinazione vincente.

Quindi, in conclusione, a lungo termine, l'idrogeno è una buona scommessa, in teoria. Tuttavia, l'attuale infrastruttura è molto più adatta ai combustibili come gas naturale o DME/acido formico. Scegliere i vincitori qui è difficile.

Update, martedì 28 febbraio 2017

Chiamaci su Skype

speedplus.biz

Segnali Operativi Future Indice Borsa