da Londra, lunedì 22 dicembre 2014

Asset di portafoglio 2015

 

 

Pensiamo a tutta la strategia di investimento per il prossimo anno. Come fare? E come poter costruire un portafoglio?
  Quest'anno non è stato particolarmente facile dato il carattere generale di panico nei mercati.

Scorriamo le principali classi di investimento per vedere ciò che deve essere fatto ...

Cosa fare con le Azioni

L'azionario non è stato esattamente il mercato più semplice da affrontare quest'anno - soprattutto in considerazione dell'amaro in bocca lasciato da queste ultime settimane.
Il 2014 vede il FTSE a fine dell'anno crescere di tre o quattrocento punti ... circa il 5%. Non eccezionale. Ma tenendo conto che nel 2012 e nel 2013 ha visto il mercato crescere circa il 10% in entrambi i casi, non abbiamo molto di cui lamentarsi. Le azioni hanno fornito una classe di attività molto dignitosa nel corso degli anni.
Il dividend yield arriva a circa il 4% a questi livelli. Mettiamo tutto in prospettiva, e ci sentiremo meglio sui titoli azionari.

E comunque, nel corso dell'anno, abbiamo anche avuto ampie opportunità di ricaricare equity negli downswings di mercato. Sfruttare la volatilità può rivelarsi molto redditizio ... non è sempre una brutta cosa!
Negli ultimi sei anni l'abbattimento globale sui tassi di interesse ha costretto gli investitori a cercare qualsiasi cosa che potesse offrire un rendimento.

Naturalmente, in questo momento, il grande punto interrogativo pende sopra l'UE. La Bundesbank tedesca finalmente accetterà di iniettare la liquidità tanto necessaria nelle economie dell'Europa meridionale?
Ebbene, nelle ultime settimane, il sentiment è cambiato su questo. Oltre il 90% degli economisti intervistati da Bloomberg ora dice la stampa di denaro su larga scala è in arrivo in Europa il prossimo anno.
I mercati vogliono vedere il colore del denaro della BCE prima di reagire positivamente. Ma nel complesso, ci può essere qualcosa di buono per le azioni per il prossimo anno.

La caccia rendimento consiglia di diffidare dei bonds

Il rendimento del bond decennale si aggira intorno al 2%. Non è sufficientemente grande per compensare i rischi che stanno sopportando i titolari di bond. E giusto per essere chiari,  c'è il rischio di inflazione. Se l'inflazione comprime i tassi, il flusso di reddito avrà un aspetto schifoso... e precipiterà il valore dell'obbligazione. Il mercato è affollato da non solo i fondi pensione e le assicurazioni, ma anche dai fondi sovrani, alla ricerca di un luogo altamente liquido.

Detto questo, sembra che i rendimenti sulle obbligazioni societarie sono per lo più paragonabili al rendimento del dividendo azionario – ciò significa che queste obbligazioni societarie sono costose. Dopo tutto, un'equity ti dà qualche protezione dall'inflazione, ma non ha un legame diretto con essa.

Il vantaggio di un'obbligazione societaria su un patrimonio netto, invece, è che aiuta a proteggere dalla deflazione. Se entriamo in una spirale deflazionistica, i dividendi azionari possono essere stiracchiati, mentre le obbligazioni societarie non possono essere altrettanto avare (almeno, non facilmente). E dato la generale turbolenza deflazionistica, non stupisce che il 2014 è stato generalmente un buon anno per i fondi obbligazionari societari. Il 15% del portafoglio in obbligazioni societarie è una protezione dalla deflazione.
 

L' «assicurazione contro l'inflazione» non ha pagato quest'anno

Parliamo di beni che tendono a fare bene in un contesto inflazionistico: materie prime, energia e metalli preziosi. E come appena detto, nel 2014 gli investitori erano molto più preoccupati della deflazione rispetto all'inflazione. Infatti, la disfatta assoluta dei prezzi del petrolio quest'anno in sé sarà una grande forza che trattiene l'inflazione all'inizio del 2015.

Inutile dire, è stato un altro anno rognoso per la protezione dall'inflazione. In generale, le commodities avevano una relazione approssimativa con essa... i timori di un rallentamento dell'economia mondiale, ha invece portato a prezzi considerevolmente inferiori sulle materie prime industriali. É solo nelle settimane di chiusura dell'anno che l'oro sembra prendere un piglio migliore. E sono arrivate le paure circa alcuni pericoli reali del mercato – come una crisi finanziaria provocata dal crollo del rublo, o il prezzo del petrolio in caduta.

Il subprime ha mostrato al mondo cosa può accadere quando una piccola ma importante parte del mercato del credito va storta. Questo è certamente qualcosa che abbiamo bisogno di ricordare entrando nel 2015. L'Oro recentemente sta riflettendo il suo ruolo tradizionale di 'ultimo uomo in piedi' in caso di un blow-up finanziario. Che sia deflazione o inflazione... l'oro può essere un'aggiunta molto, molto utile per qualsiasi portafoglio.

Diamo un rapido sguardo all'elemento finale del portafoglio – i contanti.

Il fondamento del portafoglio

Conviene mantenere l'allocazione in contanti tra il 20-25% del portafoglio. É una parte piuttosto cospicua tenuta in un bene 'non-performing'. Ma qual è l'alternativa? I Bond governativi semplicemente non sono un'opzione. Possiamo ottenere lo stesso tipo di rendimento in una banca.

La cosa meravigliosa dei contanti è che sono costantemente in mano. Difficile in questo momento trovare alcuna opportunità che incentivi a passare il denaro in investimenti più rischiosi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Chiamaci su Skype

speedplus.biz

Segnali Operativi Future Indice Borsa