da Londra, mercoledì 30 luglio 2014

I minerari sono passati dalla festa alla fame - è il momento del loro turno?

Mining è estremamente ciclico. Alla festa segue la fame e alla carestia segue la festa... sicuro come la notte segue il giorno. Si potrebbe pensare che il settore dovrebbe imparare questa «regola», ma non sembra.
Abbiamo periodi di enormi investimenti all'eccesso. I prezzi del metallo cominciano a salire. Le forniture esistenti non possono soddisfare la domanda. Mines che stanno già producendo metallo diventano molto redditizie. Anche le miniere ad alto costo iniziano a diventare redditizie.
Entra in gioco il denaro speculativo. Nuove scoperte minerarie vengono fatte - e le persone coinvolte fanno fortuna.

E, come risultato delle fortune fatte, ognuno comincia a farsi coinvolgere nelle esplorazioni in progetti che tutti sanno che sicuramente non potranno mai essere trasformati in una miniera.
Questo è successo nel 2011.

Ma a un certo punto albeggia la realtà. La produzione raggiunge un punto in cui l'offerta supera la domanda. I magazzini sono pieni di metallo. La gente comincia a vendere.
Una tendenza al ribasso ha inizio. I prezzi dei metalli scendono. I progetti a basso grado  di ritorno diventano impraticabili e sono chiusi. I progetti sono stornati. I finanziamenti per l'esplorazione si asciugano del tutto. E non vengono fatte nuove scoperte.
Questo descrive il settore negli ultimi tre anni.

Ma questa miseria non va avanti per sempre - non più di quanto è durato il boom - e alla fine si arriva ad un punto in cui l'offerta non è all'altezza della domanda di nuovo. E così il ciclo di estrazione si inverte.

Non possiamo vedere un altro boom - ma il peggio è passato per questo ciclo

Passerà un lungo periodo di tempo prima di vedere un altro boom minerario come il 2003-07 o 2009-10. Ma il peggio è passato e il fondo è stato toccato.
Abbiamo avuto i write-off. Abbiamo avuto la scarsità di nuove scoperte. I finanziamenti per l'esplorazione sono scomparsi. In breve, le basi per il prossimo ciclo-up sono a posto.

Metalli veramente noiosi come il piombo e lo zinco sono affetti da mancanza di investimenti cronici. I prezzi dello zinco sono saliti a un massimo di 35 mesi dopo essere caduti del ​​29%  quest'anno al loro livello più basso dal 2010.
Morgan Stanley ha emesso un rapporto ieri dicendo che lo zinco vedrà 'continuare la sovraperformance se la forza globale del settore auto continuerà a spingere la domanda'. Così come lo zinco, si osserva che il rame e il piombo già affrontano carenze di approvvigionamento. Il nickel - 40% quest'anno - e l'alluminio stanno andando incontro alle stesse carenze.
Siete pronti?

 

Il rame sembra molto interessante ora.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Chiamaci su Skype

speedplus.biz

Segnali Operativi Future Indice Borsa