da Londra, giovedì 29 marzo 2018

La Dyson sphere

Se non hai mai sentito parlare di sfera di Dyson, ecco l'idea generale, copiata da Wikipedia:
Una sfera di Dyson è un'ipotetica megastruttura che racchiude completamente una stella e cattura una percentuale più o meno grande della sua potenza.
Il concetto è un esperimento mentale che tenta di spiegare in che modo una civiltà spaziale potrebbe soddisfare i propri fabbisogni energetici una volta che tali requisiti superassero ciò che può essere generato dalle sole risorse del pianeta natale.
Solo una piccola parte delle emissioni di energia di una stella raggiunge la superficie di qualsiasi pianeta orbitante. Le strutture edilizie che circondano una stella consentirebbero a una civiltà di raccogliere molta più energia.
Ora, siamo chiaramente lontani da quel tipo di potere divino. Ma stiamo essenzialmente vivendo sulla superficie di una sfera di Dyson in miniatura.
Il nostro pianeta ha un rifornimento quasi illimitato di energia sepolta nel sottosuolo.
Pensaci. La maggior parte della terra è roccia e ferro surriscaldati.
Fondamentalmente abbiamo un sole in miniatura sotto i nostri piedi. Stiamo essenzialmente vivendo sulla superficie esterna di una sfera di Dyson già pronta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E recentemente, gli ingegneri hanno capito come attingere a quella vasta fonte di energia.
Questo potrebbe alimentare il fabbisogno energetico dell'umanità.

 

Come funziona, ed è sicuro?

Il modo in cui effettivamente creiamo elettricità non è cambiato molto nel ... bene, mai.
Fondamentalmente utilizziamo alcuni processi per riscaldare l'acqua in vapore e quindi utilizzare quel vapore per alimentare le turbine che generano elettricità. Potrebbe essere carbone, potrebbe essere legno, potrebbe essere una reazione nucleare ...
Perché non tagliare l'intermediario e riscaldare l'acqua direttamente? Questa è l'idea alla base dell'elettricità geotermica. L'acqua viene pompata fino a dove la terra è calda e torna indietro come vapore che alimenta le turbine e crea elettricità.
Ecco come funziona:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le uniche emissioni sono di vapore acqueo. In effetti, gli impianti geotermici producono meno C02 rispetto all'energia solare. E sono sempre attivi - 24/7. Non è necessario fare affidamento sulle batterie.
Ecco alcuni dei vantaggi che il Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti elenca per l'energia geotermica:

  1. Rinnovabili: attraverso una corretta gestione delle riserve, il tasso di estrazione di energia può essere bilanciato con il tasso di ricarica naturale del bacino.

  2. Le centrali elettriche geotermiche producono energia elettrica in modo coerente, con un funzionamento di 24 ore al giorno / 7 giorni alla settimana, indipendentemente dalle condizioni meteorologiche.

  3. Piccolo impatto: le centrali geotermiche sono compatte; utilizzando meno suolo per GWh (404 m2) rispetto a carbone (3642 m2) eolica (1335 m2) o solare fotovoltaico con stazione centrale (3237 m2).

  4. Le centrali geotermiche a circuito chiuso non emettono gas serra; le emissioni di GHG del ciclo di vita (50 g CO2eq/kWhe) sono quattro volte inferiori rispetto al solare fotovoltaico e da sei a venti volte inferiori rispetto al gas naturale. Le centrali geotermiche consumano in media meno acqua per tutta la durata della produzione di energia rispetto alle tecnologie di generazione più convenzionali.


Questo sviluppo non solo fornirà energia pulita e rinnovabile per i decenni a venire, ma potrebbe anche essere una fantastica opportunità di investimento.

Fonte: dominio pubblico

Fonte: Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti

Chiamaci su Skype

speedplus.biz

Segnali Operativi Future Indice Borsa