da Londra, martedì 16 novembre 2021

velocità e direzione della transazione energetica

Dieci anni fa, forse anche sei anni fa, alla conferenza di Parigi, la sfida era quella di dare il via alla riduzione delle emissioni di carbonio e alla lotta ai cambiamenti climatici.

E, come tutti sappiamo, questa è la parte più difficile.

Le tecnologie non erano pronte e non c'era un vero movimento sociale.

Per far rotolare il macigno che è la transizione verso l'energia verde, i politici sono di importanza vitale.

Attraverso l'accordo di Parigi, hanno inviato un forte segnale al mondo sulla direzione del viaggio.

Poi, con sussidi e programmi, hanno spinto la palla sulla sua strada, utilizzando le tecnologie emergenti.

Ma ora la situazione è cambiata, drammaticamente.

Sei anni dopo Parigi e 15 anni dopo il film di Al Gore Una scomoda verità...

I politici a Glasgow non sono più il fattore più importante.

Ora c'è dietro il vento favorevole della tecnologia.

Nel caso non ti fossi accorto, il vento soffia in poppa e la pendenza è in discesa.

Ciò che conta davvero ora

Una volta che la carica è iniziata, i politici non sono più i principali motori. È la natura dirompente delle tecnologie nuove e migliori – nel cibo, nei trasporti, nell'energia e nei materiali – che definirà il corso di questo grande passaggio da un sistema energetico all'altro.

I consumatori spostano le montagne con ogni loro decisione di acquisto, portando le opzioni migliori e più economiche a dominare il mercato.

Ora che la massa critica è stata raggiunta, il ruolo dei politici è cambiato.

Potrebbero spingere o regolare leggermente la velocità.

Accelerare la riduzione graduale del carbone, ad esempio, o porre fine alla deforestazione.

Ma queste due cose stavano già per accadere. Stanno già accadendo! La deforestazione ha raggiunto il picco negli anni '80 e l'uso globale del carbone ha raggiunto il picco nel 2013, portando poi al collasso di molti operatori storici del settore e all'estrema volatilità e sottoinvestimento che stiamo vedendo sulla scia della pandemia.

Gli investitori a lungo termine dovrebbero concentrarsi sullo slancio della transizione, non sui piccoli cambiamenti di velocità e direzione.

La scappatoia del carbone in Cina

Quindi... veniamo alla Cina e all'India che annacquano il linguaggio sul carbone...

Si tratta al massimo di un piccolo riadattamento del percorso per i prossimi anni.

Ma la direzione di marcia è chiara e veloce. Non puoi fermare un treno, e le alternative più pulite ed economiche (rinnovabili più stoccaggio) stanno arrivando per il carbone come Liam Neeson nel film Taken .

Le rinnovabili – come il personaggio di Neeson – hanno una serie speciale di abilità .

Nello specifico, hanno abilità che li rendono un incubo per una fonte di energia sporca e costosa come il carbone.

Per gli investitori a lungo termine, la COP 26 è stata un punto di riferimento per i progressi che abbiamo fatto e ha offerto alcuni indizi per il prossimo futuro.

Ma non è stata né uno spartiacque né una svolta critica.

L'onda si sta avvicinando e siamo quasi pronti a prenderla e cavalchiamo verso lo zero netto sulla tavola da surf della transazione tecnologica.

Chiamaci su Skype

speedplus.biz

Segnali Operativi Future Indice Borsa