da Londra, mercoled' 22 febbraio 2017

La crisi dell'elio?

La rinascita dei dirigibili da trasporto merita particolare attenzione da parte degli investitori.

Tuttavia, c'è un problema potenzialmente serio. In realtà, questo problema non colpisce solo i dirigibili – potrebbe avere un impatto economico molto più ampio. Tutti i dirigibili moderni utilizzano elio per galleggiare. L'elio è un gas molto leggero, significa che volatilizza da solo nello spazio, quando viene rilasciato. Alle temperature normali, la velocità di alcuni atomi del gas è superiore alla velocità di fuga planetaria.

L'elio in genere viene recuperato come sottoprodotto della produzione di gas naturale – ma molto, molto lentamente. Questo ha portato alcuni scienziati, come Peter Wothers, ad invocare il recupero obbligatorio dell'elio. Facciamo un passo indietro. Che cosa è esattamente l'elio? Si tratta di un gas – ma è anche un elemento chimico. Pertanto, a differenza di gas come il metano, non può essere ottenuto da altri elementi.

Inoltre, è sorprendentemente non reattivo. A differenza dell'idrogeno, non può essere prodotto scindendo una molecola più grande. 

La sua leggerezza (combinato con la non-infiammabilità) significa che possiamo usarlo in modo sicuro per i dirigibili. Possiamo anche usarlo per i dischi rigidi di bassa energia, come quelli fatti da Western Digital. È versatile – Ma cosa possiamo fare, se abbiamo bisogno di esso in grandi quantità?

Beh, ci sono due strategie disponibili. In primo luogo, possiamo prendere provvedimenti più aggressivi per recuperare elio dal gas naturale (come Gazprom). La percentuale di elio è solitamente inferiore all'1%, ma a volte fino al 7%. È recuperato da un processo di liquefazione ad alta intensità energetica. Siamo attualmente abituati alla liquefazione del gas naturale che fa la spola intorno al pianeta nelle navi. Che è un grande passo verso il processo di recupero dell'elio – significa che il recupero più diffuso è potenzialmente redditizio. 

In secondo luogo, possiamo prendere l'approccio alternativo di ricercare l'elio direttamente. Questo diventerà sempre più importante in un mondo di energia rinnovabile a basso costo. Non accadrà per qualche decennio ancora. La ricerca di depositi di elio è quindi un approccio promettente. C'è stata una scoperta di elio che ha recentemente annunciato la Tanzania (Elio One). Si tratta di una fonte enorme –bastante per circa sette anni di consumo globale.

Ma non pensiate che questo sarà un mercato di monopolio. L'Università di Oxford e di Durham hanno identificato le montagne rocciose come percorso alternativo. In sintesi: l'elio è già un gas critico per un'ampia varietà di usi, a livello globale. Nel frattempo, siamo probabilmente di fronte a una crisi di approvvigionamento, nei prossimi decenni. Di conseguenza, i pionieri saranno sul carro  vincente.

Chiamaci su Skype

speedplus.biz

Segnali Operativi Future Indice Borsa