da Londra, mercoledì 18 ottobre 2017

Le mini-centrali potrebbero essere la via da seguire?

Westinghouse Electric Company è in bancarotta.

Un approccio alternativo è quello di creare un gran numero di reattori nucleari modulari, piccoli. Questi sono progettati per essere intrinsecamente più semplici, più economici e più sicuri di quelli esistenti. Facendo affidamento su approcci fail-safe, la complessità di ogni reattore può essere notevolmente ridotta. Convenzionalmente, le centrali nucleari sono tenute al sicuro facendo affidamento sui vasi di contenimento in cemento e richiedono la presenza di squadre di operatori altamente qualificati. Invece i piccoli reattori automatici se si guastano non avrebbero una perdita di scorie radioattive, o esplosioni come Fukushima. 

Almeno, questa è l'idea... Ci sono una varietà di questi piccoli reattori nucleari in via di sviluppo. Gli Stati Uniti hanno una gamma di aziende startup che operano in questo mercato.

 

Quali sono gli (s)vantaggi di questo approccio più moderno, modulare?

Chiaramente, sistematizzare la fabbricazione di piccoli reattori ha i vantaggi di costo. È più facile automatizzare a buon mercato, quando si producono migliaia di esemplari. Tuttavia, ci sono perdite derivanti dalle piccole scale dimensionali. La necessità di avere tanti progetti significa che l'efficienza operativa è potenzialmente compromessa.

Inoltre, la localizzazione di questi reattori in sedi distribuite è un problema. Si aprono rischi per il trasporto di carburente – oltre che per l'efficienza operativa. I terroristi potrebbero attaccare facilmente le centrali nucleari – ma il carburente in transito è una questione diversa. Questo effetto collaterale inevitabile mina i vantaggi della flessibilità della disposizione – che è un importante punto di forza di questi reattori più piccoli. In pratica, questi reattori potrebbero finire per essere mantenuti in matrici giganti, simili ai parchi eolici. Questi sarebbero altrettanto vulnerabili ai disastri come qualsiasi grande centrale. 

Alcuni dei progetti più avanzati utilizzano carburenti alternativi, ad esempio il torio. Fino a poco tempo, questo combustibile era pensato essere (letteralmente) a prova di bomba – anche se ora il concetto è stato messo in discussione. Questi combustibili alternativi potrebbero quindi ridurre il rischio che materiale nucleare cada nelle mani sbagliate. Tuttavia, molti dei progetti di reattori modulari più semplici richiedono uranio arricchito. Di conseguenza, una proliferazione in tutto il mondo di piccoli reattori modulari potrebbe costituire catene di approvvigionamento che rischierebbero di essere reimpiegate per fabbricare armi. Ovviamente la maggiore sicurezza necessaria per una filiera rischiosa farebbe inevitabilmente aumentare i costi.

Nel frattempo, sullo sfondo il costo dell'energia nucleare è sempre più impegnativo – mentre le energie rinnovabili stanno scendendo di prezzo.

Probabilmente possiamo ottenere quasi il 100% del fabbisogno impiegando energie rinnovabili, senza dipendere dall'energia nucleare – Di conseguenza, la questione chiave è se l'energia nucleare sarà a buon mercato.

In genere, i costi delle tecnologie tendono a scendere su un'economia di scala. Questo  non vale per l'industria nucleare perchè sono stati identificati nuovi rischi. Spesso hanno grandi costi per lo smantellamento e smaltimento dei rifiuti – problemi ancora non completamente risolti.

Nel frattempo, il trend del solare sta viaggiando. Grazie all'effetto della legge di Swanson (simile alla legge di Moore in informatica)  dimezza il costo circa ogni sette anni. È già la forma più conveniente di energia elettrica nel mondo – anche se solo in posizioni ottimali. Entro 14 anni – chiaramente entro orizzonti di investimento normali – sarà circa ¼ dei prezzi correnti. È un calo sorprendente.

Così, in sintesi, possiamo immaginare un futuro in cui ogni piccolo paese avrà un reattore nucleare? Sì, è certamente possibile. Ma non sembra avere molto senso economico. Anche se la tecnologia potrebbe funzionare, in linea di principio, le barriere d'ingresso sono ancora significative.

Chiamaci su Skype

speedplus.biz

Segnali Operativi Future Indice Borsa