da Londra, martedì 29 agosto 2017

Sulle rotte mercantili...

Le navi sono gli eroi dimenticati della globalizzazione. Tuttavia, ti portano quasi tutto ciò che mangi, utilizzi o acquisti. Sono alla base di tutta l'economia della globalizzazione – ed ecco perché è necessario pensare al trasporto, quando costruisci il tuo portafoglio. Le navi sono attualmente dipendenti dai combustibili fossili. Ciò inevitabilmente cambierà – La maggior parte delle innovazioni sono basate sul risparmio di carburante – che è uno dei più importanti costi per i proprietari delle flotte marine.

 

Navi autoguidate

Queste navi stanno arrivando. Navi-robot saranno molto più economiche; probabilmente saranno molto più sicure. Allianz calcola che oltre tre quarti degli incidenti marini sono dovuti a errore umano. Inoltre, la rimozione degli alloggi per l'equipaggio significa che queste navi possono trasportare più carico utile. 

Si può essere sorpresi nello scoprire quanto velocemente questo cambiamento sta accadendo. Kongsberg, una ditta di ingegneria marina e Yara, un'azienda chimica norvegese, hanno recentemente annunciato il lancio della prima nave autonoma. Il progresso avviene velocemente!

 

Le navi a vela risorgono

Può sembrare sorprendente, ma ora c'è un rinnovato l'interesse per le barche a vela. In primo luogo, ci sono i sistemi di 'kite foil'. Queste sono come un paracadute enorme, che vola sopra la nave, accedendo a venti che sono alti, stabili e veloci; la nave è trainata dalla forza del vento – ma senza le difficoltà delle vele tradizionali. Una tecnologia alternativa è il rotore Flettner. Queste 'vele' sono in realtà grandi colonne di rotazione. Il  fenomeno aerodinamico chiamato 'effetto Magnus' consente di viaggiare perpendicolarmente al vento – Potrebbe sembrare incredibile ma si tratta di una tecnologia consolidata dall'inizio del XX secolo. Prove in corso utilizzano motori diesel  per questi rotori – ma quando saranno alimentati da fonti rinnovabili, questi rotori possono dare alle navi un vantaggio illimitato.

Per uso mercantile convenzionale, le navi-robot a vela che trasportano carichi a poco costo potrebbero farsi strada attraverso gli oceani del mondo; tutta la loro energia potrebbe essere prelevata da luce solare, vento e onde –

 

 

 

 

 

Ci sono anche tecnologie più sorprendenti per la rinascita della vela. Continuiamo il nostro sguardo a questa industria - Scegliamo una gamma di nuove tecnologie, che preparano ad economizzare il combustibile.

 

Nuovi carburanti

Siamo abituati a navi alimentate esclusivamente da diesel. Anche il combustibile per la navigazione è stato recentemente soggetto a forti tagli nei livelli di inquinamento ammissibile. Di conseguenza, vale la pena guardare alcuni nuovi combustibili. Questi  possono includere biocarburanti ottenuti da una varietà di colture. Molti sono ottenuti da colture non alimentari – coltivati su terreni marginali, inadatti all'agricoltura.

Un altro metodo alternativo per la produzione di combustibili liquidi rinnovabili è il processo di alimentazione per carburanti. Questo è molto più realistico per l'uso in scala. Questo approccio prevede l'utilizzo di surplus di energia elettrica rinnovabile per generare idrogeno, che quindi utilizzo per creare altri combustibili chimici (per esempio, metano – gas 'naturale'). Possiamo aspettarci dal solare un ruolo importante in questa rivoluzione di energie rinnovabili.

 

Gallerie

La rugosa costa della Norvegia pone molte sfide. Di conseguenza, il paese è all'avanguardia nell'ingegneria civile. Il paese sta progettando un tipo di tunnel – il  primo al mondo per le navi. Il traforo della Stad consentirà di bypassare un tratto particolarmente pericoloso di acqua, riducendo così i costi di assicurazione e gli incidenti. Raccordare una penisola consente anche di risparmiare carburante e tempo. Per sé, questo sarebbe solo una curiosità. Tuttavia, potrebbe segnare l'inizio della costruzione di trafori per navi in tutto il mondo. Si tratta di un'alternativa ai canali – il metodo tradizionale per attraversare la terraferma.

 

Alimentazione a batteria

La propulsione elettrica delle navi non è una novità – ma cresce l'utilizzo dell'elettricità generata a bordo con centrali termoelettriche. I traghetti a corto raggio sono particolarmente adatti a questa soluzione. Ancora una volta la Norvegia ha una marcia in più – con la recente messa in servizio del traghetto 'Ampere'.

 

Energia solare

A differenza dei traghetti, le navi da carico richiedono potenza continua, giorno e notte. Tuttavia, per i tragitti lenti, di scarso valore, una nave a propulsione solare potrebbe un giorno avere senso. È già un complemento alla vela, come abbiamo visto.

update, mercoledì 30 agosto 2017

Chiamaci su Skype

speedplus.biz

Segnali Operativi Future Indice Borsa