Storia Segreta, mercoledì 6 agosto 2014

Gli investitori dovrebbero dirigersi verso i bunker

Due paesi con McDonald non sono mai entrati in guerra uno contro l'altro. Questa teoria - posta sul New York Times da Thomas Friedman a metà degli anni 1990 - è diventata uno dei luoghi comuni dell'epoca della globalizzazione.

Quando il politologo Francis Fukuyama ha parlato teoricamente di 'fine della storia', nel 1989, la 'teoria della guerra McDonald' non sapeva cosa significasse in pratica. Il Golden Arches, e tutto quello che contiene - il consumismo della classe media, la prosperità e l'integrazione con una comunità globale - ha rappresentato l'alba di una nuova era.
Il capitalismo si era inventato il comunismo. La democrazia per tutti sembrava solo una questione di tempo. In breve, come potrebbero due paesi che sono economicamente e politicamente evoluti tanto da ospitare un franchising internazionale come gli hamburger McDonald sprecare vite e risorse per andare in guerra uno conto l'altro?

Come la maggior parte delle teorie economiche, il teorema McDonald assunse  molta più razionalità teorica da parte degli esseri umani di quanto era realistico fare. La teoria infine è caduta nella polvere nel 2008, mentre la crisi finanziaria faceva vacillare la fede nel capitalismo globale, la Russia (dove McDonald ha aperto nel 1990) ha invaso la Georgia (che ha ottenuto il suo primo punto vendita Big Mac nel 1999).
E ora la catena di hamburger potrebbe essere tra le prime vittime delle attuali turbolenze in Ucraina. In risposta alle sanzioni degli Stati Uniti e dell'Europa, l'autorità di tutela dei consumatori della Russia ha improvvisamente deciso che i prodotti McDonald non sono abbastanza sani per i suoi cittadini.

Come Courtney Weaver scrive sul Financial Times, 'La Russia ha l'arte di adottare delle norme di salute e sicurezza ultra-rigorose proprio quando le tensioni geopolitiche stanno raggiungendo il loro picco.'
E' giusto che McDonald - l'ultimo simbolo della globalizzazione post-Guerra Fredda - ora debba essere sotto tiro. Perché ciò che l'invasione dell'Ucraina - e la distruzione del volo Malaysian Airlines MH17 in particolare - ha reso evidente, è che la visione dell'Occidente del mondo non ha prevalso su tutti. In realtà, ora sembra che ci potrebbero essere i venti a favore di una Seconda Guerra Fredda.

Cosa importa la geopolitica?

Come i disastri naturali, guerre e rivoluzioni hanno un costo umano orrendo. Ma da un punto di vista dell'investimento - come le catastrofi naturali - il loro impatto può spesso sembrare essere minimo.
La maggior parte degli sconvolgimenti geopolitici negli ultimi anni si è rivelato nient'altro che un'occasione per 'acquistare sul panico'. E ci sono stati molti casi in cui la guerra, o la prospettiva di una guerra, ha avuto poco o nessun effetto sui mercati azionari.

Dal 1950, osserva Michael Cembalest di JP Morgan Asset Management, 'con l'eccezione della guerra arabo-israeliana del 1973 (che ha portato ad un embargo petrolifero saudita contro gli Stati Uniti e una quadruplicazione del prezzo del petrolio), gli scontri militari non avevano un impatto a medio termine sui mercati azionari degli Stati Uniti '.
Ad esempio, 'i mercati non sono stati influenzati negativamente dalla guerra delle Falkland, dalla legge marziale in Polonia, dalla guerra sovietica in Afghanistan, o dalle invasioni degli Stati Uniti di Grenada e Panama'.

Tuttavia, questo sembra una visione piuttosto ristretta di geopolitica e mercati. Cembalest esclude la guerra del Vietnam ('poiché è difficile individuare quando cominciò'). Eppure, il Vietnam ha contribuito a trasformare l'intero sistema monetario, mettendo l'ultimo chiodo nella bara del gold standard. L'elevato costo della guerra costrinse il presidente Richard Nixon per interrompere il backup del dollaro con l'oro nel 1971.
Si potrebbe sostenere che la natura inflazionistica degli anni 1970 è stata almeno in parte causata da questa mossa, non solo dagli shock petroliferi di quel decennio. Nel frattempo, nel 1989 crollò il muro di Berlino, e l'apparente trionfo della democrazia ha avuto un impatto enorme e duraturo.

Ha aiutato ad aprire un intero nuovo mondo di manodopera a basso costo e nuovi mercati di qualità, creando un'onda dis-inflazionistica che ha permesso alle banche centrali occidentali di mantenere i tassi di interesse insolitamente bassi per lunghi periodi di tempo senza veicolare un aumento dell'inflazione.
Questo scenario è quello che ha reso possibile all'ex capo della Federal Reserve Alan Greenspan la politica di 'Grande Moderazione'. Così, l'argomento che lo sconvolgimento  politico non è importante, perché i mercati non sempre reagiscono immediatamente, potrebbe essere confortante, ma è troppo semplicistico.

La nuova guerra fredda

E questo è ultimo punto. Perché non è un one-off - i rapporti dell'Occidente con la Russia si sono deteriorati da tempo. L'invasione della Georgia nel 2008, appena comparvero i titoli dei giornali, provocò il panico economico in tutto il resto del mondo. Il sostegno della Russia al  regime di Assad in Siria è anche rimasto in gran parte incontrastato.
E, fino ad ora, sembrava che la Russia avrebbe potuto farla franca con l'annessione della Crimea e la destabilizzazione dell'Ucraina, con l'Europa troppo preoccupata per la sicurezza energetica per rischiare gravi ritorsioni. Ma l'abbattimento del volo MH17 rende tutta la situazione più difficile da ignorare.

Come Robert Legvold ammette, nella rivista Foreign Policy: 'La dura realtà è che qualunque sia l'esito della crisi in Ucraina, le relazioni della Russia con gli Stati Uniti e l'Europa non torneranno al business usuale, come hanno fatto dopo la guerra russo- georgiana del 2008. '
Inizialmente, la più ovvia vittima economica è la Russia stessa. Le sanzioni imposte dagli Stati Uniti hanno già tagliato fuori alcune società russe dai finanziamenti occidentali. Circa $ 160bn nel debito estero verso le imprese e le banche russe maturerà nei prossimi 12 mesi.

Jacob Nell a Morgan Stanley osserva che questo è gestibile, 'date i relativamente forti fondamentali delle imprese russe', ma potrebbe iniziare a diventare un problema se 'le sanzioni continuano ad aumentare in misura e durata'.
E questo è esattamente quello che sembra destinato a succedere. Ora l'Europa sembra desiderosa di mettere il 'livello tre' alle sanzioni in vigore - che vieta ai cittadini e alle imprese dell'Unione europea di investire nel settore finanziario della Russia.

Nel frattempo, la Banca centrale russa ha recentemente alzato il tasso di interesse principale all'8%, in parte per cercare di puntellare il rublo e fermare la fuga di capitali. Niente di tutto questo aiuterà l'economia russa. E in più, come dice Legvold, la Russia dipende dal 'afflusso di capitali e tecnologia occidentale' per cercare di diversificare dalla sua dipendenza dalle risorse naturali. Se questa opzione è persa, quindi 'Mosca sarà costretta a diventare notevolmente più dipendente sia dai rapporti con Pechino – in cui è junior partner – o dai partenariati con paesi che non offrono nulla di simile alle risorse di Stati Uniti ed  Europa'.

Come Neil chiosa, "la ripresa degli investimenti necessari per il rilancio dell'economia in difficoltà della Russia sta iniziando a essere sempre più improbabile". E proprio come gli STATI UNITI, dice Legvold, la Russia ha un sacco di altri problemi di sicurezza di cui preoccuparsi - tra cui "la violenza nel Caucaso settentrionale e instabilità in Asia centrale".  Ma il congelamento dei rapporti con la Russia avrà conseguenze in Occidente. Il gas russo rappresenta il 5%-10% del consumo in più paesi dell'Europa continentale occidentale" e il 30% - 40% di quelle dell'Europa orientale, secondo Richard Batley di Lombard Street.

Sebbene la Russia avrebbe dovuto soffrire il massimo da ogni chiusura, come le sue entrate dalla vendita di energia, alcuni di questi paesi dovranno trovare alternative power generation.
La Germania, motore della crescita, potrebbe subire un colpo economico doloroso. Wolfgang Munchau nota sul FT che 350.000 posti di lavoro sono tedeschi dipendono direttamente dal commercio tedesco-russo: "La mia previsione è che l'effetto cumulativo delle sanzioni sarà molto più forte del previsto."

Nel lungo periodo, come dichiara Charles Dumas a Lombard Street, se le sanzioni spingeranno la Russia verso la Cina, "questa è la prospettiva di una nuova polarizzazione della politica mondiale, in una rinascita della Guerra Fredda". Per esempio, i paesi Brics (Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa), questo mese hanno costituito la "Nuova Banca per lo Sviluppo" come alternativa alla Banca Mondiale, per aiutare le nazioni in via di sviluppo a finanziare le infrastrutture. Essi hanno anche finanziato la Riserva "potenziale", che servirà da "bail out"  alle nazioni travagliate - in stile Fondo Monetario Internazionale - se sarà necessario.

La questione se questa istituzione sarà particolarmente utile non importa. La cosa è che  i paesi emergenti non sono più disposti a sedersi e aspettare che l'Occidente offra loro una maggiore influenza sulla scena mondiale.
Invece, essi sono disposti a creare organizzazioni rivali dei sistemi finanziari per ottenere tale influenza. Il predominio americano dell'economia globale è in parte dovuto anche al fatto che il dollaro Usa è la valuta di riserva mondiale. Questo potrebbe rappresentare il primo passo verso un significativo challenger al dollaro e all'infrastruttura finanziaria che lo sostiene.

Tutto questo avviene in un momento in cui le banche centrali in Occidente confidano di essere in grado di tenere le loro economie sotto l'ombrello dei tassi di interesse bassi e stampando denaro a un ritmo lento. Si tratta di un difficile lavoro in primo luogo. E tutto questo potrebbe essere molto più complicato.

La quasi onnipotente banca centrale, la disinflazione, la manodopera a basso costo e le importazioni dai paesi in via di sviluppo e la globalizzazione dei mercati finanziari - adesso si rischia di tornare indietro.
In ultima analisi, comunque se ben meritate, le sanzioni hanno lo stesso impatto del protezionismo. Rendono più difficile la fornitura di beni e servizi tra i vari paesi e i costi del processo. E se ci stiamo muovendo verso un mondo in cui le nazioni stanno annaspano per proteggere i propri approvvigionamenti di risorse vitali perché non possono fidarsi dei loro ex partner commerciali, possiamo aspettarci che la scarsità delle risorse sarà sempre più un problema.

In breve, ci potrebbero essere molte cattive notizie per chi si aspetta che i tassi di interesse  rimangano a livelli così bassi per il prossimo futuro.

 

Chiamaci su Skype

speedplus.biz

Segnali Operativi Future Indice Borsa