da Londra, giovedì 5 marzo 2020

Fed pumps, market dumps

Uh Oh. I sintomi di inappetenza del mercato sono proseguiti. Nonostante la mossa di politica monetaria dalla Federal Reserve.
La Fed ha tagliato i tassi dello 0,5%, raddoppiando il ritmo dei tagli tipici. Ma i titoli statunitensi hanno comunque ceduto, quasi il 3%.
Come dovremmo chiamarlo? Un sottodosaggio?
Qualunque cosa sia, non è bastato al mercato azionario. Deve essere stato terrificante per i banchieri centrali. L'effetto sta andando al contrario.
Secondo un ospite di Bloomberg ieri mattina, gli accademici che gestiscono la politica monetaria americana credono che superare ogni crisi sia cruciale quando ci si avvicina al limite di pericolo. Il che significa sostanzialmente che i banchieri centrali dovrebbero prevenire qualsiasi shock economico quando i tassi di interesse sono ancora bassi.
L'idea è di prevenire una spirale discendente. Dato che la nostra offerta di moneta si basa sui prestiti e sui prestiti si prosciuga durante i periodi di crisi economica, si ha una crisi auto-alimentata. Questo è uno dei motivi per cui esistono i banchieri centrali: compensare l'instabilità intrinseca del sistema con l'offerta di moneta.
Il problema è che questo consuma il piccolo potenziale che hanno le banche centrali quando i tassi sono già bassi. Che non è una buona iniziativa quando hai qualcosa di imprevedibile come il coronavirus.
Abbiamo una teoria diversa per quello che è successo. Il forte taglio della Fed è stato il primo vero riconoscimento da parte dei responsabili politici del mondo che il coronavirus avrà un impatto sull'economia, più grande di quanto si aspettasse il mercato.
Mentre i politici ci rassicurano, chiedendoci di continuare a spendere i nostri soldi, i banchieri centrali si fanno prendere dal panico. E quel senso di panico è ciò che affondò i mercati.
I banchieri centrali di tutto il mondo presto intraprenderanno una politica monetaria per combattere il coronavirus.
Funzionerà?
Cosa succederebbe se i banchieri centrali stampassero abbastanza denaro per sostenere titoli e obbligazioni mentre implode l'economia reale? Sarebbe un successo?

E poi c'è il prezzo dell'oro. È come un barometro delle assurdità della banca centrale.
Potresti aver notato che l'oro è salito ieri. Sta segnalando che i banchieri centrali stanno rovinando le loro valute. È un successo?
Qualunque cosa significhi, è un'inversione della correlazione della scorsa settimana. Lunedì e martedì il ribasso dell'oro a fianco delle azioni è stato deludente ma prevedibile.
Nei prossimi mesi l'oro sconterà un'azione della banca centrale molto più ampia. Ora che il gioco della banca centrale è in corso, l'oro è in movimento.
Non solo il prezzo dell'oro sta aumentando di fronte alla caduta dei mercati azionari, ma anche i titoli legati all'oro sono aumentati.
Questo è un segno impressionante del futuro mercato toro.
Cosa abbiamo fatto negli ultimi anni? Abbiamo fatto l'abitudine a un mondo senza allentamento quantitativo (QE) e riduzioni dei tassi di interesse - i farmaci che hanno portato nuovi massimi sulle azioni.
Lo svezzamento non ha funzionato così bene. Ogni inasprimento della politica monetaria innesca una oscillazione nei mercati azionari.

Negli ultimi mesi, i banchieri centrali sono tornati a fornire metadone per aiutare il paziente ad affrontare i sintomi di astinenza. Il bilancio della Fed è in fase di recupero e anche la Banca centrale europea è stata impegnata.
Bene, ieri lo stimolo aggiunto non ha funzionato così bene.

Facendo ricorso alle droghe pesanti - QE - i banchieri centrali hanno reso difficile porre fine alla dipendenza. E difficile, in questo caso, significa la caduta dei prezzi delle azioni se dovessimo ripulirci.
Ma è improbabile. Invece è in atto un'overdose.
Se l'oro si sta scrollando di dosso un calo più ampio delle Azioni, questo è un segno impressionante del futuro mercato toro.

Chiamaci su Skype

speedplus.biz

Segnali Operativi Future Indice Borsa