da Londra, giovedì 28 novembre 2019

I sussidi per le energie rinnovabili

L'energia da combustibili fossili è piena di sussidi, che si tratti di agevolazioni fiscali o aliquote IVA più basse sul gas domestico e sull'elettricità.
In effetti, i governi di tutto il mondo sostengono carbone, petrolio e gas naturale molto più che l'energia pulita.
Il Fondo monetario internazionale, che valuta periodicamente i sussidi globali per i combustibili fossili come parte del suo lavoro sul clima, ha scoperto che l'industria dei combustibili fossili ha ottenuto $ 5,2 trilioni di sussidi nel 2017.
Basta guardare gli Stati Uniti, dove la produzione di scisto, che è sempre stata in perdita, ora sta esaurendo gli investitori.
Sia chiaro: il costo della maggior parte dell'approvvigionamento energetico convenzionale si sta muovendo al di sopra delle soglie di redditività.
Sebbene l'industria dei combustibili fossili abbia un enorme vantaggio rispetto alle energie rinnovabili, tale vantaggio si riduce di anno in anno.
Le energie rinnovabili stanno penetrando nel sistema energetico globale più velocemente di qualsiasi combustibile nella storia, passando dall'1% al ~ 4% della quota di energia mondiale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rinnovabili sull'orlo del punto di non ritorno

É chiaro che sta arrivando un punto di svolta nella decarbonizzazione dell'elettricità globale, dove i mercati dei capitali e l'economia prevalgono sulla politica del governo.
Il prezzo dei moduli fotovoltaici solari è diminuito dell'83% dal 2010, mentre i prezzi di mercato delle batterie di stoccxaggio sono diminuiti dell'80% negli ultimi otto anni -
Questo rapido cambiamento ha portato le energie rinnovabili sulla soglia di un importante punto di non ritorno.
Non molto tempo fa, poche persone avrebbero immaginato che entro il 2018 avremmo parlato di un futuro senza sussidi per le energie rinnovabili, ma questo è esattamente dove siamo ora: l'energia rinnovabile è sul punto di ripagarsi da sola.
Il solare è ora la forma più economica di nuova energia sul pianeta. Non sono necessari sussidi.
All'inizio di questa estate, l'asta brasiliana sulle energie rinnovabili ha visto 211 MW di capacità solare fotovoltaica sottoscritti a soli $ 0,0165 / kWh - un nuovo record mondiale.
Questo non era solo il prezzo più economico per il solare mai assegnato, era il contratto non sovvenzionato più economico di qualsiasi tipo sul pianeta Terra ... con qualsiasi tecnologia nella storia.

In molti posti è già più economico costruire e far funzionare nuove batterie solari (e eoliche)  - senza sussidi - piuttosto che utilizzare carbone.

 

Il carbone è morto

Non stupisce quindi che gli investimenti in combustibili fossili stiano a livelli di declino terminale.
Le decisioni di investimento finali, o FID, per le centrali a carbone sono diminuite di circa tre quarti negli ultimi tre anni, da circa 88 GW nel corso del 2015 a circa 22 GW nel 2018, secondo il rapporto sugli investimenti mondiali dell'Agenzia internazionale per l'energia.
In effetti, la potenza globale del carbone diminuirà di 300 TWh, o 3%, quest'anno.
Anche in India, una delle ultime grandi utilizzatrici del carbone, quest'anno si prevede che il consumo di carbone diminuirà di 24 TWh.
Non è solo la fine del carbone, ma stiamo entrando in un'epoca d'oro delle energie rinnovabili.
Per gli investitori, questi sono tempi entusiasmanti.
Questo perché le energie rinnovabili sono la scelta intelligente per gli investitori e l'economia.

Gli investitori dovrebbero concentrarsi sul tasso marginale di sostituzione, che è quanto della crescita della domanda energetica ogni anno che le energie rinnovabili stanno prendendo.
È questo tasso di cambiamento marginale che determina davvero il valore degli investimenti.
Questo è il motivo per cui l'iShares Clean Energy Exchange-Traded Fund (ETF) è cresciuto del 30% quest'anno, superando di molto l'ETF Vanguard Energy, dominato dal petrolio, che è diminuito dello 0,7%.
È per questo che NextEra Energy, che ha sviluppato parchi eolici e solari negli Stati Uniti e in Canada, è l'unica utility al mondo da $ 100 miliardi, ora due volte più preziosa della principale compagnia petrolifera ConocoPhillips.

 

Sì, ci saranno roadbumps

Ovviamente ci saranno ostacoli lungo la strada, specialmente nei paesi in via di sviluppo, ma saranno blocchi tecnologici e politici, non economici.
Ad esempio, dobbiamo aumentare notevolmente la capacità di stoccaggio delle energie rinnovabili per raggiungere il loro pieno potenziale.
Inoltre, ci sono interessi politici acquisiti nel sistema nel mantenimento dello status quo.
È anche chiaro che il mondo sviluppato dovrebbe essere all'altezza dei suoi impegni per finanziare effettivamente l'energia pulita, indipendentemente da dove si trovi.
I paesi più ricchi potrebbero fare molto di più per aiutare i più poveri a decarbonizzare, sia fornendo capitale a basso interesse o tecnologia sovvenzionata, sia sviluppando soluzioni a basso consumo di energia pulita.
E, sì, certo, la politica del governo in molti luoghi è ancora essenziale. Abbiamo bisogno di incentivi mirati per aumentare enormemente la capacità di stoccaggio in modo che le energie rinnovabili possano arrivare su scala sempre maggiore, il che causerà una risposta tecnologica, proprio come quando abbiamo iniziato il passaggio al solare e all'eolico 10-15 anni fa.
La battuta finale è questa: non solo sta avvenendo la transizione energetica, ma sta accadendo più velocemente di quanto pensiamo.
Nonostante ciò che potresti leggere altrove, è chiaro che il solare e l'eolico hanno già vinto la gara per l'elettricità.

 

Chiamaci su Skype

speedplus.biz

Segnali Operativi Future Indice Borsa