da Londra, venerdì 27 ottobre 2017

Settimana di lavoro di 15 ore?

Entro il 2030 tutti lavoreremo 15 ore alla settimana. Questa è la conclusione spesso citata del saggio del 1930 di John Maynard Keynes, 'Possibilità economiche per i nostri nipoti'.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le ore di Francia, Spagna e Italia sono diminuite. Ma sono ancora in media oltre 35 ore settimanali. Con tutti i progressi della produttività dagli anni '70, dovremmo lavorare meno, non di più. Beh, forse ci siamo.

 

'La settimana lavorativa di 15 ore di Keynes è qui adesso'

Secondo il cronista di Forbes Tim Worstall la settimana 15 ore è già qui. Egli sostiene che anche se le ore di lavoro settimanale non sono diminuite molto, 'facciamo il lavoro in meno ore di quanto facevano i nostri nonni. La meccanizzazione ci ha dato tempo libero supplementare'. Le ore lavorative domestiche sono diminuite. Il tempo trascorso sul lavoro domestico è sceso da 60 ore nel 1900 a poco più di 15 nel 2015.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ma Keynes parlava di una 'soluzione ai nostri problemi economici', non per le faccende domestiche. Nel suo saggio dice: 'Io traggo la conclusione che, supponendo nessuna guerra e nessun importante aumento della popolazione, il problema economico può essere risolto, o essere almeno in vista della soluzione, all'interno di un centinaio di anni.' Keynes presupponeva che saremmo stati circa otto volte meglio oggi rispetto al 1930. Allora cosa è successo?

 

I prezzi delle case aumentano a doppia cifra

Mentre i salari sono aumentati, L'extra-salario è andato negli immobili: i frutti dello sviluppo economico aumenta il prezzo dei terreni, che supera di gran lunga la crescita dei salari. Ciò significa che qualsiasi avanzo è 'scomparso' nel valore di terreni e della casa  (ovvero, per estensione, la parte dei vostri guadagni che va alla banca tramite il  mutuo).  Il grafico sottostante illustra questo: la linea blu rappresenta i salari medi dal 1955 – che sono aumentati, in termini nominali, circa 70 volte; i prezzi delle case sono aumentati di quasi il doppio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ma la domanda ora è: che cosa sta per succedere se l'automazione elimina un numero crescente di posti di lavoro? Non possiamo lavorare tutti a tempo pieno se non ci sono abbastanza posti di lavoro. 

 

Ogni giorno, sentiamo sempre di più previsioni in cui 'robot prendono i nostri posti di lavoro'. Le stime attuali sono che circa la metà dei nostri posti di lavoro sarà automatizzato entro il 2033. L'intelligenza artificiale (AI) continua ad avanzare. Il grafico sottostante mostra l'impatto tecnologico su attività di routine, negli ultimi anni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una volta che AI inizierà a supplire i posti di lavoro non di routine, siamo tutti nei guai. 

Ecco perché l'idea di un reddito di base universale (UBI) sta guadagnando attrattiva nel mondo. UBI dà a tutti i cittadini di un paese una determinata somma di denaro; non importa il loro reddito, risorse proprie o stato di occupazione.

Ci sono una serie di avanguardie in questo momento, in Finlandia, Kenya, Ontario, i Paesi Bassi e Uganda. In Namibia UBI ha diminuito il tasso di criminalità del 42% e in Manitoba i ricoveri ospedalieri sono scesi del 8,5%.

Se tutto funziona, potremmo ottenere le  settimane di 15 ore di lavoro. E potremmo avere la risposta alla domanda di Keynes: 'se è stato risolto il problema economico, l'umanità sarà privata del suo scopo tradizionale. Questo sarà un beneficio?'

 

Fonte: ourworldindata.org/working-hours

Fonte: ourworldindata.org/working-hours

Fonte: Bank of England, Federal Reserve Bank of St. Louis

Fonte: stlouisfed.org

Chiamaci su Skype

speedplus.biz

Segnali Operativi Future Indice Borsa