da Londra, lunedì 15 dicembre 2014

Il destino dell'euro potrebbe essere deciso mercoledì

Il Mercato greco è stato sotto scacco di nuovo la settimana scorsa.
  Alla luce delle elezioni anticipate per questo mercoledì, le Azioni sono schiantate del 13%. É il più grande crollo in un giorno dall'inizio della crisi dell'eurozona. I Titoli di stato greci sono balzati di 300 punti base.
Cosa ha spaventato i mercati? Si chiama il partito Syriza.

Syriza è di estrema sinistra e vuole finire l'austerità in Grecia. Ma se lo fa, dovrà spendere così tanti soldi che sarà insostenibile la posizione della Grecia nella zona euro.
E naturalmente, il pericolo di un paese che lasci la zona euro è che potrebbe iniziare una reazione a catena. Italia, Spagna e Portogallo potrebbero essere i prossimi.
Brutta storia ...

Questa elezione è un'elezione presidenziale ... ma la preoccupazione è che potrebbe provocare elezioni anticipate. E in una elezione generale, Syriza potrebbe intrufolarsi al potere.
Il leader del partito Syriza Alexis Tsipras era nella City di Londra, poche settimane fa. Era in una specie di roadshow in cui declarò la sua visione per la Grecia. In sostanza, si tratta di due dita negli occhi alla UE ... richieste di soldi freschi dall'UE ... e, di fatto, tutto per tutti in Grecia.
La Grecia è un problema che si rifiuta di essere rimosso.

Un piano di salvataggio, ma per chi?

Questo è ciò che accade quando si prendono le cose serie e si prova a spazzolarle sotto il tappeto (e del resto, volontariamente indurre in errore il pubblico).
  Quello che è stato definito un piano di salvataggio per la Grecia non era tanto un piano di salvataggio per i Greci, ma piuttosto per tutte le banche della zona euro che possedevano titoli greci (in altre parole, la Grecia doveva loro del denaro). Durante i tempi buoni, il ragionamento era stato di acquistare obbligazioni economiche dalla Grecia e vendere le costose obbligazioni europee del nord, intascando il differenziale di interessi.

Nel 2008, quando tutto è andato storto, ai banchieri è stata offerta una via d'uscita. La zona euro ha dato alla Grecia un 'piano di salvataggio' in modo che potesse pagare queste banche. E certo, le banche hanno ottenuto un 'haircut' - ma il piano di salvataggio obbligava la Grecia a fare nuovo debito ... questa volta per l'UE.
  Ora, il debito nazionale della Grecia è andato fino al 177% del PIL ... uno dei più grandi oneri del debito nel mondo sviluppato.

Nessuno in Grecia lo sente come un piano di salvataggio. In sette anni di depressione, l'economia ha eroso circa il 27% del PIL. La disoccupazione giovanile è circa il 50% ... una cifra che sarebbe ancora peggiore, se non fosse per il fatto che molti hanno lasciato il paese in cerca di lavoro.
  Questo è lo stato di avanzamento in Grecia ... quindi non è poi così sorprendente che un politico come Tsipras sia salito alla ribalta. Come detto, è stato di recente a Londra, dando ad un gruppo selezionato di persone la possibilità di vedere ciò che vorrebbe fare per questa situazione.

Un memo trapelato da un partecipante di Capital Group, Joerg Sponer, suggerisce che il piano di Tsipras porterebbe al caos: 'Il programma è peggiore del comunismo '
  Tsipras vuole abbattere i debiti per offrire elettricità libera, cibo, ricovero e assistenza sanitaria per i poveri; tagli fiscali (ad eccezione dei ricchi, ovviamente); aumenti di salari e pensioni; servizi civili per stimolare l'occupazione; una moratoria per chi deve rimborsare le banche. E per quanto riguarda l'Unione europea vuole un'altra erogazione di € 5 miliardi in sussidi.

L'ovvia terribile soluzione

Paesi come la Grecia hanno bisogno di lasciare l'euro. Sarà estremamente doloroso, ma potranno quindi iniziare a mettere le cose a posto. Ci sono tutti i tipi di possibili soluzioni al debito. Dovrà essere una delicata trattativa tra i greci ed i loro creditori. Quante dracme dovrebbero tornare in euro? E su che periodo?

Liberandosi delle catene valutarie, almeno il paese sarebbe libero di iniziare a ricostruire. E, si spera, il pubblico potrebbe rialzare la fiducia con l'elezione di un regime politico pro-crescita.
Mentre fintanto che la Grecia si affatica sotto un regime che non funziona - quello in cui il suo debito reprime la ripresa economica -  naturalmente, il pubblico non sente altro che rabbia. Quanto le imprese o gli individui possono essere disposti a investire in questo ambiente?

Naturalmente c'è sicuramente un pericolo reale quando la gente vota per pazzi populisti che promettono politiche che sì ... sono francamente più sconsiderate del comunismo.
Syriza potrebbe portare la Grecia fuori dalla UE. Ma boy - sarebbe un modo molto, molto disordinato di attuare questo lavoro.

L'UE si deve solo biasimare. Se avessero avuto il ​​coraggio di accettare  l'uscita della Grecia e di negoziare il debito associando una svalutazione, allora le cose sarebbero completamente diverse oggi. Certo, non erano disposti a fare questo proprio perché avrebbe brillato una luce accesa sul malfunzionamento della moneta unica. Vedere le banche dell'UE perdere soldi, mentre la Grecia avrebbe camminato verso la prosperità sarebbe stato troppo da sopportare. Invece, hanno scelto la strategia 'lose-lose'.
La Grecia è stata lasciata nel dolore, nella rabbia e nella disoccupazione. La minaccia ora molto reale è di avere un parlamento greco gestito da pazzi. E l'Unione europea continuerebbe a non ottenere indietro il suo denaro.

Chiamaci su Skype

speedplus.biz

Segnali Operativi Future Indice Borsa