da Londra, mercoledì 5 ottobre 2016

Un allarme per la salute monetaria

Avvertenza: questo farmaco può causare la morte istantanea. C'è un termine per quando ciò accade. Si chiama iatrogenesi: quando un trattamento medico crea problemi piuttosto che risolverli. Lo citiamo per una buona ragione. Perché il trattamento iatrogeno è un modo di intendere le azioni delle banche centrali del mondo nel corso della crisi finanziaria. Ci viene detto che tassi negativi, QE e altre politiche monetarie sono il trattamento del problema. Cosa succede se non lo sono? Se fossero iatrogenici e stanno facendo peggiorare il problema?
 

La politica monetaria è la risposta ad ogni problema nell'universo?

Apparentemente parte tutto dalla deflazione, dall'instabilità politica e dall'evasione fiscale. La reazione è stata: repressione finanziaria, la guerra al contante, il QE, i tassi di interesse negativi, le guerre valutarie, l'elicottero ed i controlli sui capitali. Il problema finale era la minaccia di iperinflazione o di deflazione. Ci sono molti modi in cui queste politiche influenzano e minacciano la vostra ricchezza. Saprete che i tassi bassi hanno come effetto la caduta dei rendimenti obbligazionari. Ma il vero problema è questo. Tutte queste politiche ignorano tutti fondamentalmente la complessità del mondo finanziario: esse si concentrano sugli effetti di primo ordine (abbiamo abbassato i rendimenti obbligazionari) e ignorano il secondo, terzo o quarto ordine di questi (milioni di persone sono più povere).

Il sistema economico e finanziario non è una macchina. Non puoi semplicemente tirare una leva e aspettare che l'economia faccia esattamente quello che vuoi.  È infinitamente più complesso – è più come un ecosistema naturale rispetto ad una macchina. E cosa succede quando si tenta di migliorare o modificare un ecosistema naturale? Si ottengono risultati che non si sarebbero potuti prevedere perché il sistema è troppo complesso per essere alterato in modo sicuro. Un esempio veloce. Il parco nazionale di Yellowstone negli Stati Uniti. Nel 1995 gli ecologisti erano preoccupati per il calo nel numero di lupi grigi in tutto il paese. Così hanno deciso di cercare di risolvere la situazione e tranquillamente hanno iniziato a reintrodurre i lupi a Yellowstone. Gli effetti di tale decisione erano così complessi come l'ecosistema del parco. Non c'erano stati lupi a Yellowstone per 70 anni. Ciò significava che il numero dei cervi nel parco era salito alle stelle. Non solo, i cervi avevano massicciamente ridotto gran parte della vegetazione del parco attraverso il pascolo. Quando sono arrivati i lupi tutto ciò è  cambiato. E non solo perché hanno cacciato e ucciso alcuni dei cervi. I lupi avevano anche un «effetto psicologico» sulla restante popolazione di cervi. Hanno iniziato ad evitare alcune zone del parco a causa della minaccia di essere predati. Hanno evitato le valli, le gole e altri posti dove potevano restare intrappolati facilmente. 
Ciò ha cambiato il paesaggio in quei luoghi, perchè il cervo non ha più mangiato la vegetazione. Questi luoghi sono diventati grandi foreste. Un numero enorme di uccelli  sono accorsi nelle nuove foreste. La popolazione di castori è esplosa, cambiando l'ecosistema di fiumi e paludi. L'intero ecosistema venne alterato. Ma forse l'effetto più interessante è stato sui fiumi di Yellowstone. La rigogliosa vegetazione ha cambiato la natura del terreno sulle rive dei fiumi, ha fatto diminuire l'erosione e fermato i fiumi serpeggianti, che hanno rimodellato il paesaggio fondamentale del parco. Il punto è che in un complesso ecosistema anche apparentemente semplici azioni possono avere effetti profondi, lunghi, duraturi e inaspettati. Chi avrebbe mai pensato che reintroducendo i lupi in un parco nazionale sarebbe cambiata la direzione dei fiumi? E chi poteva sperare di controllare il processo? Torniamo alla finanza ed all'economia. Si applica la stessa idea. L'economia è altrettanto intricata e complessa come l'ecosistema di un parco naturale. E cercando di controllare ciò che sta accadendo si avranno effetti collaterali  inaspettati e incontrollabili. Cercare di cambiare qualcosa in un sistema complesso darà luogo ad una  serie di effetti. Compressione finanziaria, Zirp e Nirp, QE, i rendimenti  negativi sugli obbligazionari: sono tutti di primo ordine i cui effetti sono facilmente visibili. Sono gli effetti meno evidenti il problema.

 

Cosa si può fare?

C'è una soluzione ad ogni problema, devi solo capire abbastanza bene il problema.  Costruire un portafoglio'fail-safe' per proteggere il patrimonio e fare una 'dieta di notizie' per proteggere la sanità mentale. Che cosa è una 'dieta di notizie'? È uno sforzo per recuperare la tua vita dal ciclo di notizie e di riflettere attentamente su dove si ottengono le informazioni. Le notizie ci ingannano sistematicamente. Consigliamo di limitare l'esposizione alle notizie e di concentrarsi solo su analisti che forniscono idee reali, preziose. Spegnete il resto. Raccomandiamo di costruire un portafoglio'fail-safe'. Tradizionalmente si fonderebbe su  quattro componenti: azioni, obbligazioni, contanti e oro. Il problema è che contanti e obbligazioni sono direttamente minacciati dalle azioni delle autorità finanziarie e il mercato azionario è stato distorto da anni di tassi a zero. Allora che cosa fare? Affidarsi al valore. Valutate se un titolo è sottovalutato. Questa è un'idea collaudata. Evitare gli indici e andare dove c'è il valore (Giappone). 

Chiamaci su Skype

speedplus.biz

Segnali Operativi Future Indice Borsa